Abruzzo 2015: master di II livello gratuito

abruzzo-master

abruzzo-masterPresentato il master di II livello in “gestione e internalizzazione dei sistemi aggregativi di imprese”. Promosso nell’ambito dell’Accordo di programma siglato da Abruzzo Sviluppo e Regione Abruzzo, il master è rivolto a 20 partecipanti ed è completamente gratuito

di Anna Chianese

È stato ufficialmente presentato il Master di II livello in “Gestione e internalizzazione dei sistemi aggregativi di imprese” tramite una conferenza stampa tenutasi a Pescara presso la sala “D’Ascanio” del Consiglio regionale d’Abruzzo alla presenza di personalità di spicco abruzzesi tra cui il governatore della giunta regionale d’Abruzzo Luciano D’Alfonso, il vicepresidente con delega allo Sviluppo economico Giovanni Lolli, il presidente di Abruzzo Sviluppo Giuseppe Cetrullo e i rettori dei tre atenei abruzzesi partner del progetto: Carmine Di Ilio (Chieti-Pescara), Paola Inverardi (L’Aquila) e Luciano D’Amico (Teramo).

Il Master in “gestione e internalizzazione dei sistemi aggregativi di imprese” è stato organizzato dalle tre Università abruzzesi di Chieti-Pescara, L’Aquila e Teramo, insieme con Abruzzo Sviluppo e la Regione Abruzzo per perseguire i seguenti obiettivi finali:

  • promuovere un ambiente che favorisca i rapporti collaborativi e l’internalizzazione.
  • progettare e gestire processi di aggregazione e internalizzazione.
  • tradurre tali processi in vantaggi competitivi in creazione di valore per le imprese.

Esso è rivolto ad un massimo di 20 partecipanti in possesso di una laurea magistrale, specialistica o facente parte del vecchio ordinamento (oppure un titolo straniero giudicato equipollente). Oltre ai 20 partecipanti è possibile accogliere in aula un massimo di 5 uditori.

Il master è completamente gratuito in quanto interamente finanziato dalla Regione Abruzzo e da Abruzzo Sviluppo. Ha carattere annuale e permetterà di ricevere 60 crediti formativi universitari (CFU) a cui corrispondono 1.500 ore di attività, di cui 400 dedicate alla didattica, 150 agli stage e 950 al lavoro individuale.
La metodologia d’insegnamento prevede:
– Attività in Aula composte da: lezioni frontali nei corsi, workshop interattivi, seminari tematici e testimonianze e progetti applicativi, attività che hanno l’obiettivo di creare per i partecipanti dei momenti di scambio, di socializzazione e di lavoro di team durante il percorso formativo.

  • Attività fuori Aula: team building con attività outdoor.
  • Studio individuale e di gruppo: per ogni corso è prevista un’attività di approfondimento attraverso lo studio personale che verrà verificato con specifiche attività di verifica.

Nello specifico questi saranno i moduli oggetti di studio:

  • Imprese e creazione di valore.
  • I sistemi aggregativi di imprese (SAI).

(nello specifico: Natura e tipologia dei SAI; Gestione dei SAI; Knowledge management e SAI; Project management e SAI; Profili giuridici del SAI).

  • Internalizzazione (INT) delle imprese e delle reti.

(nello specifico: International management; Gestione dell’innovazione dei mercati globali; Marketing, dinamiche reticolari e mercati globali; Fiscalità internazionale e dei SAI, ICT al servizio dell’internalizzazione e dei SAI; comunicazione a supporto dell’internalizzazione, internalizzazione dei SAI)

  • Laboratori.

(Soft skills; Team building indoor e outdoor; Orientamento in uscita)

  • Stage.

La sede amministrativa del master è situata all’interno dell’Università di Chieti-Pescara, mentre la sede operativa è all’interno del Dipartimento di Economia Aziendale della stessa università sita in viale Pindaro, 42 a Pescara.
La struttura organizzativa del master sarà così definita: la direzione scientifica al prof. Riccardo Palumbo. Il consiglio tecnico-scientifico dai professori Lucio Biggiero dell’Università de L’Aquila, Raffaele Macella di quella di Teramo e Riccardo Palumbo di Chieti-Pescara insieme ai dottori Riccardo Bertazzo e Giuanluigi Di Martino di Abruzzo Sviluppo.
I docenti coinvolti saranno per la maggior parte provenienti dai tre atenei abruzzesi e verranno affiancati da diversi professionisti del settore del mondo delle imprese. Gli stessi tutor faranno parte di uno staff altamente qualificato il cui compito sarà quello di garantire la relazione tra studenti, direzione scientifica, CTS e struttura amministrativa.

Come ci comunica Abruzzo Sviluppo il bando verrà emesso dalle tre università abruzzesi coinvolte nel progetto entro la fine di settembre. In quest’ottica le lezioni – apprendiamo da fonti del Dipartimento di economia aziendale dell’Università Chieti-Pescara – dovrebbero iniziare giovedì 6 novembre e dovrebbero tenersi ogni giovedì, venerdì e sabato.

Il master, approvato dalla Regione Abruzzo con D.G.R. n. 343 del 12 maggio 2014, nasce grazie alla promozione sia di Abruzzo Sviluppo sia della Giunta Regionale con lo scopo di accrescere l’offerta formativa post laurea al fine di migliorare le competenze, la professionalità e la competitività del sistema economico regionale. Tale iniziativa fa parte del programma che la stessa Regione Abruzzo ha siglato con il Ministero dello Sviluppo economico con il comune obiettivo di “caratterizzare il sistema economico regionale nell’ottica dell’innovazione”.
Le risorse messe a disposizione dalla Regione Abruzzo nell’ambito dell’accordo “Abruzzo 2015” ammontano a 9 milioni e 600 mila euro totali. Tali fondi sono destinati all’erogazione di aiuti progettuali (a bando) e alla realizzazione di azioni di sistema (sempre sotto la regia della Regione) che “hanno consentito alle reti d’impresa di costituirsi e che oggi permettono loro di innovare, valorizzare i sistemi locali, superare i confini regionali, stimolare la crescita delle competenze, abbattere le barriere culturali ed operative, competere su scenari nazionali e internazionali”. Basti pensare che questo master e quello in “Promozione e sviluppo dei contratti di rete” (sempre promosso da Abruzzo 2015) hanno finanziato, rispettivamente, la nascita di 48 nuovi contratti di rete su tutta la regione Abruzzo e 35 progetti il cui obiettivo è innovare ed internazionalizzare la produzione abruzzese.