Expo 2015 per la Toscana

florence-expo

florence-expoUn accordo tra Regione ed Expo per richiamare in Toscana diverse migliaia di visitatori. Una casa delle eccellenze, una cupola con contenuti multimediali e un’operazione di marketing che durerà fino al 2020. La nuova bioeconomia come futuro per i giovani toscani

Sono queste le novità che l’atmosfera di Expo Milano 2015 porta con sé per la Toscana. Una serie di iniziative che prevedono un forte impatto sulla regione e sui suoi abitanti, soprattutto dal punto di vista delle opportunità di lavoro.

Cominciamo dall’accordo tra la Regione Toscana ed Expo SpA. Lo scopo è quello di intercettare e portare in Toscana una buona fetta dei 20 milioni di turisti che affluiranno all’Expo 2015 secondo le stime.
L’assessore all’agricoltura e foreste, Gianni Salvadori, insieme ai manager di Expo SpA, durante un incontro tenuto a Palazzo Vecchio con il sindaco di Firenze, Dario Nardella, e la soprintendente del polo museale fiorentino, Cristina Acidini, hanno presentato l’accordo, il primo del genere fra una Regione e la società Expo, che ha già venduto 5 milioni di biglietti d’ingresso alla manifestazione del prossimo anno. La partnership prevede per la Toscana la possibilità di offrire propri pacchetti turistici e di accoglienza ai Tour Operator che acquisteranno i biglietti per l’Expo già a cominciare dai prossimi road show. I road show serviranno a promuovere l’Esposizione universale in giro per il mondo e sono previsti in Corea, Germania, Giappone, Inghilterra, Usa, Canada, Francia e India. Quello americano è già partito.
L’assessore Salvadori ha ribadito l’importanza e la necessità di presentarsi come “squadra” Toscana a Expo, con le città d’arte, a cominciare da Firenze, ma anche con le ricchezze dei tanti borghi cosiddetti marginali della Toscana.

E l’intero “pacchetto” Toscana, o squadra, come la definisce l’assessore Salvadori, verrà pubblicizzato a partire dall’Expo Milano 2015 con una campagna che durerà fino a tutto il 2020. Si tratta di un’operazione di marketing che prevede una Casa delle eccellenze, una cupola multimediale e uno stesso logo per tutte le imprese del territorio toscano.
Il piano di Firenze per l’Expo è stato presentato negli scorsi giorni dalla Regione Toscana, dal Comune di Firenze, dalla Camera di Commercio di Firenze e da PromoFirenze, l’azienda speciale dell’Ente camerale scelta dalle istituzioni come capofila del progetto per il territorio fiorentino.

firenze-new-yorkMario Curia, consigliere delegato di PromoFirenze, ha dichiarato: “il principale progetto che realizzeremo sarà la Casa di eccellenza che abbiamo intenzione di aprire a San Firenze. Il mio sogno sarebbe quello di trasformare il vecchio tribunale nella Casa delle eccellenze toscane”. Ci sarà poi un progetto interattivo: “un’installazione le cui forme richiameranno la nostra Cupola e al cui interno saranno fruibili contenuti multimediali che rappresenteranno il ‘saper fare’ di Firenze. Una vera e propria struttura smontabile e utilizzabile per la promozione di Firenze in tutto il mondo”.

Nel frattempo è già iniziato il road-show per far conoscere la presenza di Firenze a Expo2015 (integrato con quello della manifestazione) ai newyorkesi. La sua durata è di due settimane, dopo di che toccherà a San Paolo in Brasile per arrivare a toccare tutti i continenti. “
“L’obiettivo” ha spiegato il consigliere Curia “è quello di attivare sia relazioni business to business portando delegazioni internazionali nelle nostre aziende, sia azioni rivolte a visitatori e consumatori. Il nostro modo di combattere le gite ‘mordi e fuggi’ per ricercare un turismo di fascia alta, esperenziale, che non consuma la città ma porta ricchezza e benessere”. (D.M.)