A Benevento si parla di IT e disabilità

circuiti

circuitiSabato 18 ottobre si svolgerà l’ assemblea nazionale d’autunno della Onlus Informatici senza Frontiere

Disabilità e informatica solidale, se ne parlerà nella giornata di sabato 18 ottobre a Benevento, nella prestigiosa sede di Palazzo Paolo V. L’obiettivo dell’assemblea nazionale d’autunno della Onlus Informatici senza Frontiere è aprire un tavolo di confronto e, dunque, avviare un proficuo dibattito tra i molteplici ospiti su quel che la tecnologia può fare per alleviare i disagi legati alle diverse problematiche personali.

Tra gli ospiti, tanti rappresentanti di associazioni quali la Lega del Filo d’oro, l’Associazione Italiana Persone Down (Aipd), l’Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettive e/o Relazionali (Anffas) e AccordiAbili, che chiuderà la giornata con un concerto del suo presidente, il Maestro Vincenzo Deluci.
A tutti questi si aggiungeranno coloro che hanno bisogno di soluzioni che li avvantaggino nella loro vita quotidiana, inclusi quanti hanno disabilità motoria, grazie alla collaborazione tra Informatici Senza Frontiere e il blog ItaliAccessibile e di Abiliatour O.N.L.U.S il cui frutto ha reso possibile l’installazione di pedane e percorsi di facile accesso.
Nello specifico, si partirà dal sondare le effettive necessità di coloro che hanno disabilità per arrivare a porre sul tappeto proposte e progetti concreti.

Questo lavoro è fondamentale per Informatici senza Frontiere, perchè consente loro di individuare la strada più corretta per colmare quel digital divide che sicuramente si declina anche sul fronte della disabilità; quindi ascoltare le difficoltà è fondamentale per individuare priorità e obiettivi futuri.
Una App come Paperboy/Strillone è solo un esempio di come sia possibile porre l’IT al servizio dei non vedenti, perchè consente loro di “fruire” delle notizie del proprio quotidiano preferito; I.S.A – I speak again offre invece la preziosa possibilità di comunicare con lo sguardo.

Informatici senza Frontiere fonda la propria ragion d’essere su un nuovo uso della tecnologia più intelligente, sostenibile e solidale. Nata nel 2005, oggi conta 10 sezioni regionali, oltre 300 soci e centinaia di progetti. I volontari informatici, coloro che offrono il proprio tempo e le proprie competenze, si impegnano per lo più privilegiando contesti di emarginazione e situazioni di emergenza in Italia e nei Paesi in via di sviluppo. (C.M.)