L’INPS sperimenta lo sportello per i sordi

logo-inps

logo-inpsLa sperimentazione parte da Roma, dove gli utenti troveranno aperto, presso alcune sedi, lo “sportello voce”, curato da dipendenti dell’Istituto che conoscono la Lingua dei segni (LIS)

Partito il 5 novembre in via sperimentale presso la sede INPS Roma Tuscolano di via Quintavalle 32, il nuovo servizio dedicato ai sordi denominato “Sportello Voce” prevede l’apertura periodica di uno sportello nel quale il rapporto con l’utente sordo sarà gestito da dipendenti con disabilità uditive assistiti (nella fase addestrativa/sperimentale) da colleghi udenti che conoscono la Lingua dei Segni (LIS).

L’iniziativa in via sperimentale proseguirà con l’apertura dello sportello voce anche giovedì 13 novembre presso la sede di Roma Eur. Se la sperimentazione avrà esito positivo, si procederà alla relativa diffusione sull’intero territorio nazionale, potenziata anche dalla possibilità dell’uso della comunicazione virtuale tramite lingua LIS in videochiamata con telecamera WEB.

Lo “Sportello voce”, nato con la collaborazione della competente Direzione Regionale Lazio, sarà aperto (su prenotazione) nella Sede di Tuscolano il primo ed il terzo mercoledì del mese, mentre nella sede di Roma Eur sarà aperto il secondo ed il quarto giovedì del mese.

Il motivo che ha spinto l’Istituto di Previdenza sociale a realizzare questa iniziativa è la constatazione del fatto che attualmente in Italia ci sono 42.671 utenti Inps con disabilità uditive. E la scelta di avviare la sperimentazione nella capitale è dovuta al fatto che 2.831 persone con questa disabilità risiedono nella provincia di Roma (3.854 nella regione Lazio).
Poiché i disabili uditivi utilizzano per la comunicazione prevalentemente la Lingua dei Segni e il linguaggio labiale, l’INPS ha deciso di ottimizzare l’erogazione dei propri servizi adeguandosi anche alle necessità dell’utenza con disabilità uditive, utilizzando i dipendenti che conoscono questi linguaggi.

Alle persone interessate al servizio, sarà inviata una lettera con la comunicazione dell’avvio dell’iniziativa, la sede, gli orari e i giorni di apertura dello Sportello oltre alla mail e i numeri di telefono DTS (telefoni con dattiloscrittura) ai quali possono far riferimento per prendere un eventuale appuntamento con l’Inps.