Premio ITWIIN 2014

it-winners

it-winnersAncona ha ospitato le migliori menti femminili in campo innovativo.
Giovani, belle, brave e competenti ma soprattutto donne. Ricercatrici e imprenditrici capaci di utilizzare al meglio il loro intelletto

di Catiuscia Ceccarelli

Si è svolta ad Ancona, presso la Loggia dei Mercanti, la cerimonia di premiazione del Premio Itwiin 2014 (Italian Women Inventors & Innovators Network). Si tratta di un riconoscimento nazionale al talento innovativo femminile, promosso dall’Associazione Italiana Donne Inventrici e Innovatrici per valorizzare la conoscenza e la competenza “rosa” in settori come la ricerca, la tecnologia e l’innovazione. Il tutto realizzato in collaborazione con il Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile della Camera di Commercio.

Per la sesta edizione il premio Itwiin approda ad Ancona con una intera giornata dedicata all’intelletto femminile. Ben dieci finaliste, menti brillanti provenienti da tutta Italia, hanno presentato i loro progetti alla giuria del premio, nel corso della mattinata, per poi attendere il verdetto finale nel pomeriggio.

Per conoscere meglio le origini e gli obiettivi del Premio Itwiin abbiamo intervistato la Presidente Rita Assogna.

Tra le autorità intervenute all’evento Adriana Celestini, Presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Marche e Adriana Brandoni, Presidente del Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Ancona che – ai nostri microfoni – ha sottolineato quanto sia sensibile l’ente camerale anconetano verso l’innovazione, specialmente quella che vede le donne protagoniste di progetti importanti e ambiziosi.

La cerimonia di premiazione è stata anticipata da una interessante tavola rotonda sul tema della Blue Economy dal titolo “Ricerca e Innovazione sostenibile in Adriatico”. Tra i relatori il Magnifico Rettore dell’Università Politecnica delle Marche Prof. Sauro Longhi, il Dott. Antonello Sala del Consiglio Nazionale delle Ricerche, il Dott. Marco Bellardi per l’Adriatic Ionian Initiative e la Dottoressa Gloria Rossi dell’Associazione Nazionale Fisica e Applicazioni.
A seguire la testimonianza di una itwiinner di successo, Luisa Torsi, vincitrice dell’edizione 2013 alla quale il Premio Itwin ha portato fortuna e, soprattutto, una grande esposizione mediatica . Come ha affermato la stessa Torsi nel corso del suo intervento “è fondamentale dare visibilità a donne che si occupano di innovazione e di ricerca. Siamo l’eccellenza” ha continuato Luisa Torsi, “ma numericamente inferiori rispetto agli uomini per cui non facciamo notizia”.

{gallery}2014/C19-756G{/gallery}


Ecco l’elenco delle nuove Itwiinner italiane del 2014

Menzione speciale per le “Nuove Frontiere nei social Media” a Sara Colnago per VideoLiked, il primo motore di ricerca di video di Facebook. Tutti i video presenti su questo importante Social Network possono essere cercati, integrando i social per facilitare ulteriormente la diffusione dei propri video; tutto in un’unica App.
Un’altra Menzione Speciale è stata consegnata a Letizia Lionello per “Design Industriale”. il suo progetto si chiama Seating GO ed è una poltroncina motorizzata di dimensioni ridotte capace di attraversare porte e di entrare in ascensore. Si muove con un joystick, è adatta per visitare comodamente mostre e musei o può essere utilizzate in residenze private per anziani.

Per quanto riguarda le categorie ufficiali del Premio Itwiin 2014 , eco di seguito l’elenco delle vincitrici e le loro invenzioni:
Premio “Alta Formazione” a Francesca Raffaelli. E’ Socia e Amministratore delegato dello Spinoff BIOMEDFOOD S.r.l. (UNIVPM) che progetta e sviluppa alimenti funzionali innovativi, in grado di prevenire l’insorgenza delle patologie legate all’alimentazione, e migliorare la qualità della vita di chi ne è affetto.
Premio “Capacity Building” a Veronica Recanati. Il suo progetto Bridge For Good è un’impresa sociale che ha l’obiettivo di migliorare la collaborazione fra settore privato e organizzazioni non-profit, mediante iniziative di Responsabilità Sociale di Impresa che creano valore condiviso.
Premio “Donna eccezionalmente creativa” a Vanessa Coppola. Contro le aggressioni e per la sicurezza personale della donna, Vanessa ha creato LoveB, una borsa realizzata con pelli pregiate e dettagli in vinile, interamente lavorata a mano, contenente all’interno un fascio di luce Oled e un alimentatore per caricare le batterie e il cellulare.
Premio “Miglior Innovatrice” a Carla Delfino. Il suo progetto innovativo é lo ScappaTopo®. Si tratta del primo prodotto al mondo che avvia un programma di prevenzione verde, testato dalle università di Roma e Napoli: la barriera profumata e multisensoriale impedisce che il topo entri all’interno degli ambienti a creare danni.
Premio “ Miglior Inventrice” a Francesca Petrini. Imprenditrice agricola, titolare della Fattoria Petrini, ha inventato il Petrini plus®, l’unico olio extra vergine arricchito con le vitamine D3,K1 e B6 atte a favorire l’assorbimento e la fissazione del calcio nelle ossa (brevetto europeo).