La reputazione degli atenei ovvero i più utili per trovare subito lavoro

studenti

studentiPubblicata l’edizione 2014 del QS World Universities Rankings 2014-2015, la graduatoria delle migliori università al mondo realizzata dall’agenzia indipendente internazionale Quacquarelli Symonds

Fin dal 2004 la QS si occupa di analizzare e valutare gli istituti di alta formazione di ogni parte del mondo. La classifica che esce da questa analisi è considerata la più autorevole e da essa si comprende quali università siano le più interessanti per i datori di lavoro, che considerano molto la reputazione degli atenei presso i quali gli aspiranti lavoratori hanno conseguito la propria laurea.

Non si può dunque sottovalutare il parere che emerge dall’analisi di questa autorevole agenzia di ranking specifico per il mondo dell’alta formazione e, di conseguenza, per quello del lavoro, inteso come possibilità di futura occupazione.

Alcuni atenei hanno una reputazione talmente positiva presso le aziende che il fatto stesso di essere laureati in quell’università fa salire alle stelle l’attenzione al curriculum.
E tra i parametri presi in considerazione dal QS World Universities Rankings c’è anche questo, ovvero il prestigio degli atenei presso i vertici delle aziende. Riportiamo di seguito la classifica delle top ten, ovvero delle 10 università considerate migliori dalle imprese internazionali e che offrono agli studenti una sorta di passaporto per il mondo del lavoro.

L’università in assoluto più “gettonata” dai datori di lavoro è quella di Oxford, ritenuta la più prestigiosa a livello mondiale. La retta annua è stata stabilita dal Parlamento britannico ed è di 9.000 sterline. Anche in questo caso sono disponibili delle borse di studio che consentono di abbassare l’importo anche della metà.
Nella graduatoria globale, al secondo posto troviamo la sua avversaria di sempre, ovvero l’università di Cambridge. La retta è la stessa dell’università di Oxford (9.000 sterline l’anno) e anche in questo caso è possibile, se si è meritevoli, di dimezzarne l’importo grazie alle borse di studio.
Quella di Oxford e quella di Cambridge sono le università che aprono di sicuro le porte al mondo del lavoro, visto che per i datori sono quelle più prestigiose e che offrono sicurezza di alto livello di formazione e competenza nelle materie studiate.

Passando al continente americano, l’università più quotata, quella frequentata dall’élite della gioventù statunitense e non solo, è la Harvard University, la cui retta arriva a circa 60.000 dollari l’anno.
Anche in questo caso però sono a disposizione degli studenti più meritevoli delle borse di studio. La stessa università di Harvard dichiara che il 70% dei suoi studenti riceve un aiuto finanziario e che il 20% non paga assolutamente niente grazie alle borse di studio.

Il posto successivo è del celeberrimo MIT (Massachusetts Institute of Technology) che ha sede a Boston, sempre negli USA. Anche in questo caso, un posto di lavoro assicurato. La retta, di circa 45.000 dollari, è sempre un investimento ma le borse di studio permettono di abbassarla e, inoltre, c’è la possibilità di ottenere un prestito. L’università afferma che usufruisce di questi incentivi il 90% degli studenti (dato del 2013).

Troviamo poi in graduatoria mondiale la Stanford University, sempre statunitense. Che tra retta, libri, affitto della stanza nel college e spese alimentari costa 62.000 dollari, ponendosi tra le più care. Anche in questo caso però c’è la possibilità di avere prestiti e borse di studio.

I posti successivi sono di atenei londinesi. Ne troviamo, in fila, tre:

  • London School of Economics and Political Science, che costa 9.000 sterline per il primo anno e la cui retta potrebbe salire per gli anni successivi;
  • Imperial College London, con una retta sempre di 9.000 sterline l’anno per i corsi che possono essere di medicina, di scienze, di ingegneria o di economia ma che potrebbero tutti assicurare un lavoro;
  • London Business School, con una retta inferiore, pari a 6.700 sterline l’anno e che ricopre l’ottavo posto a livello mondiale.

Al 9° posto troviamo un ateneo francese: la Insead – the Business School of the World di Fontainebleu. Il costo di un master è di circa 50.000 euro, ma sono previste borse di studio per merito e per fasce di reddito.

Per il 10° posto voliamo in Asia, dove troviamo, nella top ten degli atenei più prestigiosi per gli ambienti lavorativi, la National University of Singapore. Vi giungono studenti da tutto il mondo, in questa città all’avanguardia i cui universitari hanno assicurati tanti sbocchi di lavoro. Per gli studenti internazionali i prezzi variano, a seconda del corso scelto, dai 15.000 ai 129.000 dollari di Singapore. Si può aver diritto ai sussidi governativi.

Come abbiamo visto le università italiane non si trovano nella top ten. Scorriamo la graduatoria completa per vedere quale viene considerata la più prestigiosa dalle aziende e troviamo che, nella graduatoria mondiale degli atenei stilata per il 2014-2015, la prima università italiana che si incontra è la Bocconi di Milano. Si trova al 33imo posto per quanto riguarda le università di tutto il mondo, ma al primo per le italiane. L’università Bocconi è privata, dunque la retta è elevata, ma offre anche delle borse di studio. (D.M.)