La Toscana finanzia i giovani professionisti

giovani-professionisti

giovani-professionistiUna garanzia gratuita rilasciata dalla Regione per ottenere finanziamenti agevolati per l’avvio o il rilancio dell’attività

La misura è diretta a tutti i giovani professionisti, praticanti, tirocinanti iscritti ad un Ordine, a un Collegio professionale, a un’Associazione o Fondazione professionale non organizzata in Ordine o Collegio, con persona giuridica avente sede in Toscana. Parliamo del Fondo di garanzia per i giovani professionisti e le professioni, che è ripartito il 15 novembre 2014.

Obiettivo dell’azione – una delle misure contenute nel progetto GiovaniSì – è quello di sostenere la nascita di nuove attività professionali, con l’avvio di studi, l’acquisto di attrezzature informatiche, di strumenti e tecnologie innovative, di operazioni finalizzate a rendere più sicuri i locali dove si esercita l’attività professionale.

Sono garantiti finanziamenti fino a 4.500 euro per i tirocinanti di età non superiore ai 30 anni, fino a 13.500 per i giovani professionisti di età non superiore ai 40 anni che intendono mettere su uno studio, anche on-line e/o associato. Le garanzie sono concesse, inoltre, per finanziamenti fino a 50.000 e 100.000 euro per progetti innovativi e per il cofinanziamento di quote di progetti europei.

Possono dunque presentare la domanda i giovani professionisti di età non superiore a 40 anni oppure i giovani fino a 30 anni di età che stanno facendo pratica o tirocinio professionale, con domicilio professionale prevalente in Toscana e che siano iscritti ad albi o elenchi gestiti da Ordini, Collegi o ad associazioni o fondazioni professionali con personalità giuridica.
Sono beneficiari dell’intervento anche gli stessi Ordini o Collegi professionali o Associazioni, anche di secondo grado, aventi sede in Toscana, che presentino progetti innovativi o vogliano cofinanziare quote di partecipazione a progetti europei.

Come spiega l’assessore alle attività produttive Gianfranco Simoncini, “anche questa misura si inserisce nel quadro di una specifica attenzione nei confronti dei giovani e del sostegno alle professioni. Un’attenzione che stiamo traducendo in opportunità concrete per chi vuole avviare un’attività, ha le energie e le idee per farlo ma, spesso, non sufficiente capacità finanziaria per sostenerne i costi. Grazie al fondo rotativo possiamo coprire interamente le spese per la garanzia per un importo massimo garantito fino al 60% dell’importo di ciascun finanziamento o di ciascun progetto innovativo. La garanzia arriva all’80% nel caso in cui a fare richiesta siano giovani professioniste”.

Il soggetto gestore del Fondo è Toscana Muove (raggruppamento di imprese composto da Fidi Toscana, Artgiancredito e Artigiancassa).
La domanda di ammissione alla garanzia si inoltra ad una delle banche aderenti allo specifico protocollo d’intesa. Alleghiamo all’articolo il Regolamento e la scheda informativa. Per ulteriori informazioni si può raggiungere il portale toscanamuove.it. (D.M.)

pdf Scarica la scheda informativa

pdf Scarica il regolamento