Agricoltori si diventa con “Coltiva il tuo futuro”

copertina

 

Quattro seminari per creare opportunità lavorative in ambito rurale

di Paola Paolicelli, giornalista

Lavorare in ambito rurale è un’opportunità sempre più concreta, scenario occupazionale caldeggiato e rilanciato dalla Cooperativa agricola Co.r.ag.gio, nell’arco della conferenza stampa svoltasi, lo scorso martedì, presso la sede Inea di via Nomentana a Roma.

Scopo della conferenza stampa è stato quello di pubblicizzare il ciclo di seminari “Coltiva il tuo futuro”, giunto già alla terza edizione: incontri interamente gratuiti rivolti ad un massimo di 80 aspiranti agricoltori. Soddisfacente la risposta, con oltre 100 iscritti, appartenenti ad età e professionalità differenti (ndr, la più giovane iscritta ha solo 20 anni, il più anziano 66).

La paternità dell’iniziativa è da attribuire alla Cooperativa agricola Co.r.ag.gio, a cui recentemente è stata affidata da Roma Capitale la gestione dell’area di “Borghetto San Carlo” abbandonata da decenni (22 ettari in via Cassia 1450).
I seminari di quest’anno sono stati realizzati con il sostegno della Rete Rurale Nazionale 2007-2013 e dell’Istituto Nazionale di Economia Agraria (INEA).

In calendario sono previsti quattro momenti di formazione, a partire dal prossimo 10 marzo, con la collaborazione di 28 esperti del settore, in veste di docenti; in aggiunta alle lezioni in aula ci saranno 10 stage retribuiti presso alcune aziende agricole di Roma, comunali o nate su terreni pubblici.

Entriamo nel dettaglio delle tematiche trattate:

  • “Le tecniche agronomiche sostenibili” (10 marzo- presso la Cooperativa Co.br.ag.or);
  • “Avviare un’attività agricola” ( 25- marzo presso Coop. Tor San Giovanni) ;
  • “Le possibilità dell’agricoltura multifunzionale” (9 aprile presso Tenuta del Cavaliere);
  • “Sostenere economicamente l’attività agricola” è il focus dell’ultima giornata che si svolgerà il 20 aprile presso Borghetto S. Carlo.

locandinaGiacomo Lepri, presidente della Cooperativa Co.r.ag.gio, durante l’incontro, ha espresso la sua soddisfazione per i risultati conseguiti: “in una sola settimana abbiamo raggiunto il limite di iscrizioni e ci auguriamo che altre terre pubbliche siano messe al bando per creare buona occupazione, tutelare l’ambiente e creare servizi ai cittadini. Abbiamo voluto offrire strumenti spendibili sul territorio”.

Tutti i relatori intervenuti hanno commentato positivamente l’iniziativa.
Alessandro Monteleone, di Rete Rurale Nazionale, ha dichiarato: “rilanciare il ruolo dell’agricoltura significa non solo creare e sostenere il reddito ma anche sviluppare esternalità positive per l’ambiente, il patrimonio e l’inclusione .Coltiva il tuo futuro è un progetto pilota che ci auguriamo venga replicato in altre città e sostenuto dalle istituzioni di prossimità”.
Per Salvatore Parlato, Commissario Inea, il rilancio della ricerca pubblica in agricoltura passa anche attraverso momenti di confronto con soggetti diversi, per comunicare i risultati delle analisi, divulgare le innovazioni tecnologiche e le prassi di lavoro per aprire sempre più l’agricoltura alla sostenibilità economica ambientale e sociale.
In chiusura l’intervento di Marta Leonori, Assessora di Roma Capitale con delega alle politiche agroalimentari: “Con le sue 2.656 aziende agricole, il 40% in più rispetto al 2000, i 129 mercati rionali, i 33 farmers market, oltre 55 Gruppi di Acquisto Solidale, Roma è una città dove le superfici coltivate rappresentano poco meno della metà della superfice territoriale complessiva. Serve un approccio che consideri il valore economico reale dei servizi offerti dall’agro romano, con relazioni sociali e dinamiche come quelle innescate dalla Co.r.ag.gio che hanno bisogno di essere guidate e sostenute. Bisogna lavorare molto su come ripensiamo l’agricoltura, senza trascurare la componente turistica”.