Inail: 267 milioni per la sicurezza sul lavoro

logo-inail

Bando aperto fino al 7 maggio. Le domande di finanziamento si presentano direttamente online

Nel 2014 le vittime di incidenti sul lavoro sono state 1.009, 2,75 al giorno. Numeri impressionanti e dolorosi che ci fanno capire concretamente che gli investimenti in sicurezza sul posto di lavoro non sono mai abbastanza. Per contrastare gli infortuni, siano essi fatali o no, torna il Bando Inail (tecnicamente denominato bando ISI 2014, ossia Incentivi di sostegno alle imprese) pubblicato a fine dicembre 2014, ma attivo dai primi di marzo 2015 e aperto fino al prossimo 7 maggio.

Si tratta di un finanziamento complessivo di oltre 267 milioni di euro a fondo perduto – suddiviso poi in fondi regionali che tengono conto del numero dei lavoratori e dell’indice di gravità degli infortuni rilevato sui vari territori – che saranno stanziati per realizzare investimenti morati a migliorare le condizioni di salute e sicurezza del lavoro o ad adottare modelli organizzativi e di responsabilità sociale.

Le imprese potranno presentare un solo progetto per una sola unità produttiva, riguardante un’unica tipologia tra quelle indicate dal bando. Le domande di finanziamento si devono richiedere direttamente online, sul portale Inail (sezione “In caso di” > “Incentivi per la sicurezza” > “Bando Isi 2014”).

I fondi vengono assegnati fino a esaurimento in base all’ordine cronologico di arrivo delle domande di partecipazione. Il benecifio, in forma di contributo in conto capitale, sarà pari al 65% dei costi sostenuti per la realizzazione del progetto presentato e sarà compreso tra un minimo di 5.000 euro e un massimo di 130mila euro.

Per avere informazioni sul bando è possibile chiamare il Contact center Inail al numero 803164 (da rete fissa) o 06.164164 (da rete mobile).
Alleghiamo l’estratto del bando, mentre a questo link si trova la documentazione relativa agli stanziamenti delle singole regioni:
inail.it/internet/default/INAILincasodi/Incentiviperlasicurezza/BandoIsi2014/Avvisipubbliciregionali/index.html

pdf Scarica l’estratto del bando!

(A.F.)