Fondo europeo per gli investimenti strategici

logo-ue-ce

Raggiunto un accordo sul regolamento relativo al FEIS, il fulcro del piano di investimenti per l’Europa che potrà entrare in funzione a fine estate

Il 28 maggio, dopo una lunga notte di discussioni, i legislatori dell’UE hanno raggiunto un accordo sul regolamento del Fondo europeo per gli investimenti strategici, in modo che presto entri in funzione e inizi a finanziare progetti. Questo piano di investimenti sostenuto dall’Unione Europea va , come ha fatto notare la Vicepresidente Georgieva, responsabile per il Bilancio e le risorse umane, “a beneficio di cittadini e imprese sostenendo crescita e occupazione”.

Ricordiamo che la Commissione Europea ha adottato la proposta legislativa sul FEIS il 13 gennaio di quest’anno e che gli Stati membri l’hanno approvata all’unanimità il 10 marzo, mentre il Parlamento europeo l’ha votata in commissione il 20 aprile. I ministri delle Finanze dovrebbero ora approvare il regolamento in sede di Consiglio ECOFIN il 19 giugno, e il voto del Parlamento europeo in seduta plenaria è previsto per il 24 giugno, per consentire al FEIS di essere operativo entro il mese di settembre come programmato.

Nel bilancio europeo sono stati destinati al Fondo 2 miliardi di euro di impegni e 500 milioni di euro di pagamenti. Il Feis è un fondo di garanzia di cui gli Stati membri potranno disporre per i propri investimenti per la crescita. Esso servirà a mobilitare 315 miliardi di euro di investimenti a favore dell’Europa.

Il fondo concentrerà gli investimenti nelle infrastrutture (in particolare  banda larga) e nelle reti energetiche, nonché nelle infrastrutture dei trasporti negli agglomerati industriali e ancora:

  • nell’istruzione,
  • nella ricerca e nell’innovazione,
  • nelle energie rinnovabili,
  • nelle PMI e nelle imprese a media capitalizzazione. 

Il Vicepresidente Katainen, responsabile per l’Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha dichiarato: “sono molto soddisfatto che si sia arrivati questa mattina a un accordo sul FEIS con i colegislatori.  Contiamo sul Parlamento e sul Consiglio per arrivare all’approvazione finale nel mese di giugno in modo che il FEIS possa entrare in funzione in autunno.  La cosa più importante è iniziare a stimolare gli investimenti, la crescita e l’occupazione in Europa”.

La Vicepresidente Georgieva ha aggiunto: “sono felice e soddisfatta, dopo le lunghe ore di negoziato, che si sia arrivati a un accordo sul FEIS.  È tempo di mettersi al lavoro e attuare il piano più rapidamente possibile”.

(D.M.)