L’investor day di Luiss EnLabs – LVenture Group

copertina

Il 24 giugno è stato un giorno particolare per le Start-up accelerate da LUISS ENLABS “La Fabbrica delle Startup” nell’arco degli ultimi 5 mesi. Ne sono state selezionate 6, quelle sulle quali lo stesso incubatore ha deciso di investire denaro, e sono state presentate ad importanti investitori

di Daniela Molina, giornalista

Per vedere come funziona nella pratica un incubatore, e il servizio che offre quando aiuta (il termine tecnico è accelerare) le Start-up già avviate a fare un balzo in avanti, ci siamo recati all’investor day organizzato dal LUISS ENLABS, uno dei maggiori incubatori italiani certificati. La giornata è fondamentale per il programma di accelerazione offerto da questo importante incubatore certificato che ha sede a Roma: si tratta infatti del giorno in cui, al termine del programma di accelerazione durato 5 mesi, le start-up si presentano a una sala gremita di investitori e presentano le proprie idee imprenditoriali dicendo di quanto denaro hanno bisogno per portare avanti il proprio progetto nell’arco di un determinato periodo prima di iniziare a guadagnare e dividere i proventi con chi ha creduto nell’idea.

A spiegare il meccanismo previsto è stato Luigi Capello, il co-founder di LUISS ENLABS e CEO di LVenture Group:

http://vimeo.com/132411309

La particolarità dell’incubatore è che presenta agli investitori esclusivamente le start-up in cui crede così tanto da investire esso stesso. In questo caso le neoimprese presentate sono state 6, ovvero:

  • Brave Potion, che ha sviluppato una App che aiuta i bambini a vincere la paura di medici, dentisti e siringhe. Grazie alla combinazione di prodotti fisici e digitali, i bambini vivono un’esperienza in cui i farmaci diventano pozioni magiche che li trasformano in principi e supereroi
  • Majeeko, che ha sviluppato un metodo per permettere a tutti gli amministratori di Pagine Facebook di creare in pochissimi secondi e con un solo click il proprio sito web bello, professionale e personalizzabile graficamente. Una volta creato il sito, grazie alla sincronizzazione con Facebook, questo si aggiornerà automaticamente senza bisogno di alcuna manutenzione o intervento periodico
  • Moovenda, che ha ideato un servizio di consegne urbane intelligenti che permette di ricevere a qualunque ora e in qualunque luogo della città il meglio dei prodotti disponibili sul mercato, grazie a un sistema di logistica completamente digitalizzato che si basa su una community di oltre 100 fattorini, i moovers.
  • Nextwin, che ha realizzato una sorta di Fantacalcio delle scommesse. Si basa su una piattaforma grazie alla quale gli utenti possono giocare gratuitamente scommettendo sulle partite delle massime competizioni calcistiche nazionali ed europee e, in base alle vittorie conseguite, accumulare punti in classifica e profitto virtuale, sfidando gli altri giocatori.
  • Verticomics, che ha creato un’applicazione mobile per leggere e acquistare i fumetti digitali prodotti da importanti case editrici di fumetti italiani. I fumetti presenti su Verticomics sono concepiti per la fruizione on-line, senza click e senza pop-up. L’App consente di scaricare un fumetto gratis al giorno e conservarlo nella propria libreria in modo da poterlo leggere anche in modalità offline.
  • Voverc, che ha creato il sistema telefonico aziendale basato su cloud che permette anche alle micro, piccole e medie imprese di ottenere un centralino telefonico in meno di un minuto. Il centralino è dotato di un numero fisso ma perfettamente fruibile da smartphone e tablet, attivabile online senza competenze tecniche o costi aggiuntivi.

{gallery}2015/R1-1998G{/gallery}

Ogni startupper ha presentato, con supporto audiovisivo, la propria idea nell’arco di pochi minuti, spiegando il progetto, dicendo quali sono i vantaggi già conseguiti al momento dell’avvio, quelli ottenuti grazie al programma di accelerazione e i risultati economici che si propongono di raggiungere. A quel punto ciascuno ha mostrato il proprio business-plan semplificato in una road-map, ovvero una mappa del percorso a tappe che intende percorrere, di volta in volta raggiungendo un risultato e alla fine ha indicato la cifra esatta che gli occorre raccogliere dagli investitori (chi 100, chi 200, chi 300.000 euro).

In sala erano presenti circa 200 investitori o “imprenditori seriali” che al termine di ogni presentazione, potevano porre domande per approfondire la conoscenza del potenziale partner commerciale. Inoltre, al termine dell’intera giornata, investitori e startupper sono stati messi in condizione di affrontare un discorso a tu per tu per avviare eventuali trattative.

Ci spiegano gli organizzatori, che l’Investor Day è l’evento conclusivo dell’intenso programma che in 5 mesi si prefigge di mettere gli startupper in condizione di costruire e sviluppare un modello di business ripetibile, scalabile e profittevole. “Da un progetto in nuce, le startup di Luiss Enlabs devono arrivare in pochi mesi a fatturare con clienti reali.” Un obiettivo che in questi anni le start-up hanno sempre centrato, grazie al sostegno di mentori e advisor, un network esteso e qualificato di contatti e un investimento del valore di 60.000 euro per ciascuna start-up effettuato da LVenture Group, holding di venture capital quotata sul MTA di Borsa Italiana.

“Che la formula del nostro programma di accelerazione funzioni lo dimostrano i numeri” spiega Luigi Capello, CEO di LVenture Group e Founder di LUISS ENLABS. “Dal 2010 abbiamo accelerato 27 start-up, con un tasso di follow-on di oltre l’80% attraverso co-investimenti effettuati con più di 70 soggetti, tra business angel e altri veicoli di investimento. Finora abbiamo creato oltre 300 posti di lavoro e non contiamo di fermarci: vogliamo arrivare a crearne 150 l’anno, ampliando i nostri spazi e investendo in un numero crescente di startup. Puntiamo a diventare il Tech Hub di riferimento per l’innovazione”.

L’incubatore, fondato come ENLABS nel novembre 2010 da Luigi Capello, imprenditore e “business angel”, è divenuto LUISS ENLABS nel 2012 a seguito della partnership con la Luiss. La sua mission è quella di supportare le startup nel processo di crescita e sviluppo, per consentire loro di operare con successo nel settore di riferimento. Le risorse finanziarie del programma di accelerazione Luiss Enlabs sono fornite da LVenture Group, una delle poche società al mondo quotate in Borsa nel settore del Venture Capital. La sede è all’interno della Stazione Termini a Roma, in Via Giovanni Giolitti 34 e consta di uno spazio di ca. 2.000 mq in cui operano oltre 30 start-up che occupano più di 300 persone.