Crescere in Digitale: 3.000 tirocini online

crescere-in-digitale

Posti di lavoro vacanti perché i giovani non hanno competenze digitali. Un allarme già lanciato dalla Commissione Europea che stima in oltre 900.000 posti di lavoro che resteranno vacanti per il 2020. L’Italia lancia l’iniziativa per sostenere i propri giovani

“Sono davvero soddisfatto” dichiara il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti. “Parte concretamente un progetto che si pone due obiettivi: migliorare l’occupabilità dei giovani per agevolarne l’ingresso nel mercato del lavoro e favorire la digitalizzazione delle imprese, leva importante di sviluppo e competitività”.

Il Ministro si riferisce al progetto “Crescere in Digitale”, il percorso di formazione online gratuita per tutti gli iscritti a Garanzia Giovani.
Tramite il sito crescereindigitale.it i saranno disponibili fino a 3.000 tirocini per supportare la digitalizzazione delle imprese italiane e accompagnarle nel mondo digitale. Infatti, una volta seguito il corso online i giovani potrebbero accedere a un tirocinio retribuito di 6 mesi per affiancare le imprese nell’economia digitale.

“Crescere in Digitale” continua il Ministro Poletti “è un esempio concreto di come la collaborazione tra istituzioni pubbliche e mondo imprenditoriale rappresenti un supporto essenziale per dare impulso all’innovazione e produrre un più ampio numero di opportunità. Sono convinto che gli iscritti alla Garanzia giovani apprezzeranno questa iniziativa”.
Al 10 settembre già 4.058 giovani risultavano iscritti al percorso di formazione digitale del progetto lanciato il 9 settembre dal Ministero del Lavoro in collaborazione con Unioncamere e una società privata che spesso ha fatto discutere: Google.
Secondo il Ministro Poletti, si tratta di “un risultato brillante, una bella conferma dell’interesse suscitato tra i giovani dall’iniziativa che abbiamo appena lanciato”.

Secondo il Presidente di Unioncamere, Ivan Lo Bello, “il digitale è una leva importante per sostenere la crescita e la qualità dell’occupazione, ma le nostre PMI non riescono ancora a cogliere tutte le opportunità offerte da internet a causa di un livello di digitalizzazione insufficiente. Solo il 5% delle imprese italiane è attivo nell’e-commerce contro una media UE del 14%”.
Per questa ragione si è pensato a questo progetto, per “innalzare le competenze digitale dei nostri ragazzi e trasferirle poi alle imprese”.

http://www.youtube.com/watch?t=4&v=Q4pre2kDwJk

Secondo Unioncamere il 40% delle piccole imprese afferma di non sapere come utilizzare le opportunità del digitale. “Questo è un limite strutturale del Paese che occorre superare” ha sottolineato il Ministro Poletti.

Sul sito dedicato al progetto, c’è uno spazio in cui gli imprenditori possono candidarsi ad ospitare un tirocinante a supporto delle proprie attività sul web. Il tirocinio è di durata semestrale ed è pagato direttamente da Garanzia Giovani.

(D.M.)