Si avvicina la scadenza del Premio “La scienza secondo me”

scienza-secondo-me

Entro il 10 ottobre 2015 i ragazzi interessati potranno inviare i propri elaborati. Il Premio nazionale, bandito da Storytelling European Association in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, si rivolge a ragazzi tra i 13 e i 17 anni ed ha per tema Cibo e Salute

Il Premio Nazionale “La Scienza secondo me” è alla sua prima edizione ed ha ricevuto i patrocinii di: Expo-Comitato Scientifico, CNR, UGIS (Unione giornalisti italiani scientifici), ANPRI (Associazione nazionale ricercatori e tecnologi pubblici), Comune di Roma, Osservatorio Scienza per la Società, INGV (Istituto nazionale geofisica e vulcanologia), ASL Roma H, Associazione RES (Ricerca, educazione e scienza), Associazione Orbiter.

Scopo del Concorso indetto da SEA (Storytelling european association) e ideato da Renata Palma, giornalistica scientifica dell’ENEA, è quello di “accrescere la coscienza e la conoscenza in campo scientifico, e stimolare i giovani studenti ad aprire le loro menti e a guardare oltre i confini dei programmi scolastici”.

Coinvolti numerosi esperti del settore, tra scienziati e giornalisti scientifici appartenenti al Comitato d’Onore e a quello organizzativo. Ricordiamo ad esempio:

  • E. La Nave, Fisico ISC-CNR, Assessore del Municipio II con delega per la ricerca e Coordinatore Osservatorio Scienza per la Società
  • G. Pacifici, giornalista scientifico TG2
  • L. Fiorani, fisico ENEA e autore del libro “Che Favola la Scienza!”
  • R. Sartini, giornalista scientifico tra gli autori del libro “Parola di Scienziato”
  • L. Verzicco, ricercatrice ISTAT, Segretario generale ANPRI
  • M. P. Rossignaud, giornalista scientifico, direttore responsabile Media2000
  • F. Marchitelli, Direttore della Formazione ASL RomaH
  • D. Molina, giornalista, direttore di Donna in Affari, collaboratrice de Il Test, consigliere CNOG
  • G. D’Addezio, direttore comunicazione INGV
  • S. Topazio, giornalista scientifica, tecnologo INGV
  • A. Moreno, Enea, presidente H2IT Associazione Italiana Idrogeno e celle a combustibile
  • S. Ferraris, direttore QualEnergia
  • F. Colucci, ricercatrice ENEA
  • E. Perugini, direttore 30righe
  • C. Zoani, ricercatrice ENEA, vincitrice del Premio Leonardo 2014 di UGIS e Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, dedicato ai giovani divulgatori scientifici
  • F. Foresta Martin, geologo, giornalista scientifico, direttore del Laboratorio-Museo di Scienze della Terra Isola di Ustica
  • G. Santoro, docente scienze motorie IPSEOA Formia, presidente UniPRU
  • V. Cirillo, giornalista scientifico, responsabile de ilfuturosostenibile.it e direttore di Multimedia sas
  • G. Funaro, architetto ENEA, responsabile progetto Vertical Farm ENEA a EXPO
  • S. Dainotto, giornalista, capo ufficio stampa Fnmonceo, presidente EACI
  • A. Cianciullo, giornalista La Repubblica
  • P. di Giannantonio, giornalista RAI conduttore TG1
  • A. Vico, giornalista scientifico, Segretario di ToScience con un video messaggio dal Salone del Libro di Torino
  • L. Pappagallo, giornalista TG3, segretario ASR.

Per partecipare al Premio, che per questa prima edizione ha come tema “Cibo e Salute”, i ragazzi dai 13 ai 17 anni dovranno cimentarsi con l’elaborazione di un articolo di giornalismo scientifico secondo le indicazioni contenute nel regolamento e inviarlo entro il 10 ottobre a info@sea-storytelling.org – PEC renata.palma@cert.odg.roma.it.

REGOLAMENTO

Articolo 1 – Oggetto
Per favorire la diffusione della cultura scientifica tra gli studenti e sviluppare le potenzialità di giovani aspiranti giornalisti che vogliano dedicarsi alla divulgazione scientifica è bandito un Concorso nazionale a premi denominato “La scienza secondo me”.

Articolo 2 – Requisiti
Al Concorso possono partecipare tutti gli studenti di età compresa fra 13 e 17 anni senza alcuna distinzione di Istituto scolastico, pubblico o privato, purché residenti in Italia alla data della domanda e regolarmente iscritti presso un istituto scolastico italiano.

Articolo 3 – Modalità di partecipazione
Le ragazze e i ragazzi che intendono partecipare al concorso devono redigere un testo in formato giornalistico, composto da non meno di 1.800 e non più di 3.600 caratteri (spazi compresi). Ogni “pezzo” partecipante al concorso dovrà essere inoltrato alla segreteria organizzativa del premio mediante l’Istituto di appartenenza, che ha solo il compito di inoltro dei lavori e non di selezione, mediante PEC dell’Istituto stesso.

Articolo 4 – Obiettivi
Il Concorso intende contribuire a una maggiore penetrazione della scienza tra i giovani avvicinandoli ad argomenti il più delle volte considerati dai ragazzi avulsi dal contesto sociale e lontani dai temi di attualità e testimoniando la presenza della scienza, nelle sue varie espressioni e discipline, nella vita di tutti i giorni, con ricadute importanti sulla società. Lo strumento del concorso intende accrescere la coscienza e la conoscenza in campo scientifico, stimolando i giovani studenti ad aprire le loro menti e a guardare oltre i confini dei programmi scolastici. Il concorso servirà anche per scoprire talenti in nuce nel giornalismo scientifico.

Articolo 5 – Promozione del progetto
In accordo con gli uffici scolastici provinciali, saranno organizzati degli incontri nelle scuole medie inferiori e superiori in ciascuna regione italiana, tenuti dai giornalisti scientifici per spiegare il bando e per tenere brevi laboratori sulle regole/tecniche del giornalismo: come si leggono le fonti, come si ricava una notizia, come si scrive una notizia, che cos’è un take di agenzia, che cos’è un’intervista, che cosa si intende per “pezzo” giornalistico”, che cos’è il giornalismo scientifico, come si lavora in una redazione, come rivolgersi in modo differente ai vari target, quali sono le diverse peculiarità dei media tradizionali e digitali.

Articolo 6 – Specifiche tecniche dei lavori
Gli elaborati potranno avere il formato di take di agenzia oppure di intervista oppure di articolo di cronaca.
I lavori devono essere redatti in word, carattere Times New Roman c. 12.
Per cartella standard si intende una pagina di testo di 1800 battute, spazi compresi. (60 battute per 30 righe).
Per i take di agenzia il testo non deve superare 1.800 battute.
L’articolo di cronaca non può superare le 2.400 battute.
L’intervista non può superare le 3.600 battute.
Ogni lavoro deve essere corredato da una foto con didascalia riferita al testo.
Gli articoli in concorso saranno inviati esclusivamente per email (PEC dell’Istituto).
Non saranno presi in considerazione lavori inviati alla segreteria in altri formati.

Articolo 7 – Aree di ripartizione dei premi
L’Italia, per quanto attiene all’assegnazione dei premi, sarà divisa in tre macroaree: Nord, Centro e Sud. Per ciascuna macroarea sono previsti tre finalisti per un totale di nove ragazzi. Gli elaborati pervenuti in regola entro la scadenza del 15 ottobre 2015 saranno giudicati da una Giuria la cui composizione sarà resa nota a mezzo comunicato stampa e pubblicazione sul sito di SEA.

Articolo 8 – Cerimonia di assegnazione dei premi ai vincitori
La premiazione con relativa assegnazione dei premi è fissata per il 27 novembre a Roma. La sede per la celebrazione dell’evento sarà in seguito itinerante negli altri capoluoghi di regione, diversa ogni anno. Il Premio si avvarrà di un ufficio stampa che gestirà tutta la comunicazione del Premio (redazione di comunicati stampa, inviti, recall, valutazione dei feedback, stesura del resoconto finale).

Articolo 9 – Premio unico per tutti i finalisti
I nove articoli premiati, le menzioni speciali, nonché altri lavori valutati a discrezione della giuria per il particolare interesse, saranno pubblicati.
Tutti i nove finalisti premiati avranno il testo pubblicato sui media nazionali aderenti al Premio.
Tutti i lavori in concorso saranno pubblicati in formato Ebook a cura di SEA e con download gratuito per gli studenti e le scuole che ne facciano espressa richiesta.

Articolo 10 – Altri premi
Sono messe a disposizione da organismi pubblici e privati degli stage (non cumulabili) che saranno assegnati ai vincitori secondo il giudizio della Giuria del Premio:
a) una settimane presso i campi estivi organizzati dall’Associazione ToScience. I science summer camp uniscono aspetti ludici alla conoscenza scientifica. Un esempio: parlare di fisica e di galleggiamento stando in piscina;
b) una settimana presso gli enti di ricerca aderenti al bando. Nella settimana da ricercatore i ragazzi saranno seguiti da un tutor e vivranno esperienze dirette nei laboratori;
c) una settimana da redattore presso le redazioni nazionali (agenzie di stampa, quotidiani o testate scientifiche) selezionate dal Comitato Organizzatore sulla base di un bando diramato a tutte le testate sia quotidiane che periodiche specializzate e alle agenzie di stampa che hanno al loro interno una redazione scienza.

Articolo 11 – Non assegnazione dei premi
La Giuria si riserva la possibilità di non assegnare i premi messi a disposizione dai partner nel caso non si ritenga sia raggiunto il livello qualitativo richiesto ai partecipanti.

Articolo 12 – Documentazione richiesta
I partecipanti dovranno allegare alla domanda:
– una dichiarazione dei genitori contenente l’autorizzazione alla pubblicazione dell’elaborato a firma del ragazzo che diventa di proprietà esclusiva di SEA,
– i dati anagrafici dello studente, e l’indicazione dell’anno di iscrizione,
– una foto formato tessera,
– un documento di riconoscimento in corso di validità,
– una dichiarazione della scuola di appartenenza dello studente su carta intestata e a firma del Preside indicante la paternità del lavoro con allegato un certificato scolastico di iscrizione.

Articolo 13 – Privacy
I dati personali verranno trattati secondo quanto previsto dalla legge 196 del 06/03/2003 e successive modificazioni e integrazioni e solo ed esclusivamente ai fini del concorso.

Articolo 14 – Partner del progetto edizione 2015
Saranno indicati successivamente e comunque il giorno della presentazione ufficiale del premio fissata per il 18 maggio 2015 alla Sala della Protomoteca, Campidoglio, Roma

Articolo 15 – Accettazione del Regolamento
La partecipazione al concorso implica l’accettazione e il rispetto degli articoli contenuti nel presente bando e del giudizio insindacabile della Giuria.

(D.M.)