Concorso Kangourou della lingua inglese: premiati i vincitori nazionali

premiazione-Kangourou

La competizione riservata agli studenti tra gli 11 e i 19 anni di tutta Italia

di Serena Selvarolo

Le eccellenze della scuola italiana per la conoscenza della lingua inglese sono state premiate lo scorso 20 ottobre, nell’ambito della gara Kangourou, il gioco-concorso riservato a studenti e studentesse dalla Scuola Primaria alla Scuola Secondaria di Secondo Grado del nostro Paese. La cerimonia si è svolta presso la prestigiosa Villa Wolkonsky, sede privata dell’Ambasciatore Britannico in Italia Christopher Prentice che ha consegnato personalmente i premi ai ragazzi.

Il Kangourou della lingua inglese permette agli studenti di confrontarsi sui livelli fissati dal Common European Framework ed è l’unico progetto accreditato dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) nell’Albo delle Eccellenze per le lingue straniere. Da tre anni è organizzato con la collaborazione scientifica di Cambridge English Language Assessment, ente dell’Università di Cambridge, che si è occupato non solo degli esami finali ma anche della redazione di test appositamente studiati per le fasi preliminari.

Con la collaborazione di AISLi, associazione italiana scuole di lingua, sono state organizzate selezioni regionali che hanno portato, dai 20.000 partecipanti iniziali, 100 studenti finalisti a confrontarsi a Mirabilandia (Cervia) lo scorso maggio, per le prime tre posizioni sfidandosi su vere prove d’esame.

Gli esami su cui si sono confrontati i ragazzi delle diverse categorie sono stati:

  • Cambridge English Key for schools (pari al livello A2 del Common European Framework of Reference for Languages)
  • Cambridge English Preliminary for schools (pari al livello B1)
  • Cambridge English First (B2)
  • Cambridge English Advanced (C1)

I primi classificati di ciascuna categoria hanno avuto l’opportunità di partecipare anche a un soggiorno studio in Inghilterra insieme alle proprie insegnanti offerto da Master Studio.

Obiettivo di Kangourou è quello di diffondere la cultura della lingua inglese tra i giovani e, attraverso la collaborazione con il Cambridge English Language Assessment, permettere loro di ricevere una certificazione del livello di conoscenza della lingua riconosciuto a livello internazionale.
Premiate dal concorso anche le scuole di appartenenza dei finalisti, intendendo così sottolineare – come ha affermato Angelo Lissoni, Presidente di Kangourou Italia – il grande impegno da parte degli istituti scolastici nonché il loro ruolo fondamentale di promozione e valorizzazione della lingua inglese.

Presente alla cerimonia Nick Beer, Director di Cambridge English in Italia, il quale ha affermato che “gli ottimi risultati dei ragazzi che hanno partecipato alla competizione Kangourou della lingua inglese testimoniano quanta motivazione ci sia tra gli studenti e i loro docenti, a raggiungere livelli di competenza della lingua sempre più alti. Un segno dei progressi fatti negli ultimi anni nella scuola italiana”.

{gallery}2015/C23-M27G{/gallery}

Un’esperienza centenaria, quella di Cambridge English che dal 1913 è l’ente certificatore e dipartimento no profit dell’Università di Cambridge. Ogni anno in tutto il mondo oltre 5 milioni di persone vi certificano il loro livello di inglese. È presente in oltre 130 Paesi con circa 2.800 centri di esame e sono 20.000 le università e gli enti che riconoscono i loro esami come prova affidabile delle conoscenze linguistiche degli studenti. In Italia, negli ultimi cinque anni, un milione di persone si sono certificate Cambridge. Oggi il loro lavoro è finalizzato soprattutto a tessere collaborazioni con le scuole statali attraverso la somministrazione di corsi supplementari che preparino alla certificazione, mentre il legame è già stretto con le università, in quanto chi è in possesso di un livello B2 certificato può essere esonerato dall’esame di lingua inglese.

L’inglese è indubbiamente il “global language” e la conoscenza di questa lingua è ormai imprescindibile nei processi di selezione di tante aziende e quindi per l’esercizio della propria professione, tanto in Italia quanto all’estero.

L’immagine di apertura di questo articolo è copyright Ambasciata Inglese.