Garanzia Giovani: Bando mobilità professionale

garanzia-giovani

L’avviso pubblico della Regione Lazio si rivolge ai NEET, ovvero a giovani tra i 18 e i 29 anni d’età non iscritti a scuola né all’università né ad altri corsi formativi (inclusi i tirocinii extracurriculari) e che non lavorano. Devono però aver aderito alla Garanzia Giovani

La Regione erogherà ai giovani alcuni servizi finalizzati ad attivare contratti di lavoro in mobilità geografica (territoriale o internazionale).

In particolare, la misura prevede:
– l’erogazione di un’indennità per la mobilità a copertura dei costi di trasferimento in un’altra Regione/Provincia Autonoma/Paese in caso di assunzione e delle spese di viaggio per sostenere il colloquio nel solo caso della mobilità transnazionale;
– il rimborso per l’operatore accreditato per l’attività di intermediazione domanda-offerta di lavoro.

I giovani potranno attivare, in alternativa:
– la promozione e realizzazione di un percorso di mobilità tramite un soggetto accreditato;
– la promozione e realizzazione di un percorso di mobilità tramite i Centri per l’impiego (CPI), con il supporto della rete EURES in caso di mobilità transnazionale.

L’indennità per il trasferimento in caso di assunzione sarà corrisposta anche nel caso di percorso di mobilità in un’altra Regione/Provincia Autonoma o in uno dei Paesi UE e EFTA/SEE2 a seguito dell’attività di accompagnamento al lavoro. Ai fini del riconoscimento dell’indennità di mobilità, dovranno essere rispettati i requisiti e le condizioni del bando allegato. Le indennità previste, le modalità di attivazione e realizzazione saranno diverse a seconda che siano relative alla mobilità territoriale o alla mobilità transnazionale.

Ai fini dell’erogazione degli incentivi, sia per la mobilità territoriale sia per quella transnazionale, il contratto di lavoro attivato dovrà prevedere una durata minima di 6 mesi, escluse eventuali proroghe. Inoltre, non dovranno sussistere relazioni di parentela di primo grado in linea diretta tra il giovane e i titolari, gli amministratori, i soci del datore di lavoro.

Si tratta di un bando “a sportello” (quindi le domande vengono accolte via via che vengono presentate) con scadenza 31 dicembre 2015.

pdf Scarica il bando!

(D.M.)