Torna Gamma Donna: il 7° Salone dell’Imprenditoria femminile e giovanile

conferenza-stampa

L’edizione 2015 del Salone nazionale si svolgerà a Torino il 12 novembre e servirà a “tirare le somme” sui nuovi modelli imprenditoriali emergenti

“Ricominciamo a sognare a occhi aperti e riprendiamoci il futuro. Come diceva Steve Jobs, “Stay hungry, stay foolish”: solo le persone abbastanza folli da voler cambiare il mondo lo cambieranno davvero.” Con questa frase il presidente dell’associazione GammaDonna, Mario Parenti, introduce il 7° Salone nazionale dell’imprenditoria femminile e giovanile che si svolgerà a Torino, presso il Campus Luigi Einaudi, con il sostegno della Camera di Commercio di Torino e del suo Comitato per l’imprenditoria femminile. Hanno patrocinato l’iniziativa il MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) e il MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), Unioncamere.

Come ogni anno, il Salone si rivolge alle imprenditrici e agli imprenditori, a manager, studenti, associazioni, professioniste e professionisti, enti e istituzioni. Con il contributo del Consiglio Regionale del Piemonte e della Consulta regionale dei giovani, il programma – che trovate allegato all’articolo – prevede nella mattinata l’incontro con le imprese emergenti (ne sono state selezionate 5) e con quelle che hanno superato con successo le criticità riscontrate, ovvero quelle emerse nella scorsa edizione del Salone.

Le 5 imprese emergenti selezionate tra le candidate di tutta Italia, durante i due anni di lavoro dell’Osservatorio GammaDonna – che ha l’obiettivo di mettere in luce le tendenze innovative su cui il Paese dovrà concentrare interventi e strumenti di sostegno – riceveranno il Giuliana Bertin Creativity Award. 4 delle imprese premiate sono a conduzione femminile, a testimonianza che – come ha commentato Cristina Balbo, direttore regionale Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria di Intesa San Paolo (sponsor della manifestazione) – le donne che fanno impresa rappresentano una realtà importante, meritevole della massima attenzione”.
Cristina Balbo ha aggiunto che “seppure le nostre imprese siano generalmente più contenute rispetto alla media nazionale e internazionale, quelle a conduzione femminile si distinguono per propensione all’innovazione, attenzione alla registrazione dei propri marchi e orientamento al marketing e alle relazioni. Caratteristiche particolarmente interessanti, soprattutto se legate alla capacità di servire mercati esteri. Le imprenditrici, con il loro coraggio e la loro determinazione, stanno fornendo un contributo decisivo in questa fase di ripresa economica”.

Per quanto concerne le imprese che hanno superato le criticità riscontrate – ovvero: formazione, comunicazione, sostenibilità finanziaria – sempre durante la mattinata potranno portare la propria esperienza a sostegno di chi intraprende.
Si parlerà di internazionalizzazione, di opportunità di cross fertilization/ibridazione tra le imprese innovative emergenti e l’economia consolidata, di investimenti e di donne di successo in settori tradizionalmente maschili.

D’altro canto, come spiega Cristina Di Bari, membro della giunta della Camera di Commercio torinese, “In Italia un’impresa su 5 è femminile e lo stesso avviene in provincia di Torino, dove se ne contano 50.000 guidate da donne. Anche se per il 63% si tratta di imprese individuali, sono realtà solide e strutturate, che nella crisi hanno reagito meglio rispetto alla media. Nel primo semestre 2015 le vediamo già addirittura tornare ad un tasso di crescita positivo, quando il sistema imprenditoriale nel suo complesso fatica ancora: questo significa che la creatività e la tenacia delle imprenditrici e delle altre realtà innovative e giovanili presentate al Salone GammaDonna, rappresentano la strada per continuare a crescere”.

Nel pomeriggio il focus sarà sulle criticità emerse. Nel parleranno, con l’obiettivo di formulare proposte di intervento, decine di innovatori provenienti da tutta Italia. Gli enti competenti saranno direttamente coinvolti nel dialogo e confronto in una sessione dedicata dal titolo “Faccia a faccia Imprese emergenti – Istituzioni).

Ricordiamo che il Salone GammaDonna è nato a Torino nel 2004 e si è affermato negli anni come la più importante manifestazione nazionale su queste tematiche, ottenendo la speciale medaglia di riconoscimento da parte del Presidente della Repubblica. A idearlo e organizzarlo, fin dai suoi esordi, è l’agenzia di comunicazione Valentina Communication.

pdf Scarica il programma!

(D.M.)