Un nuovo ecosistema attorno a StartupItalia!

startup

 

La prima edizione di StartupItalia! Open Summit ha riunito tutti gli attori che possono alimentare l’innovazione innescando un circolo virtuoso imperniato sulle startup

di Cristina Mazzani, giornalista

Oltre 2mila giovani imprenditori coinvolti per la prima edizione di StartupItalia! Open Summit 2015, l’evento organizzato a Milano per premiare e valorizzare le nuove iniziative aziendali.

“StartupItalia! Open Summit è l’occasione per iniziare a costruire European Valley. Nei prossimi 3 anni, non da soli, ma insieme all’ecosistema imprenditoriale che è protagonista di questa giornata, vogliamo affermarci come punto di riferimento per l’informazione tecnologica in Europa” l’ambizioso obiettivo dichiarato da Riccardo Luna, direttore di StartupItalia! e Digital Champion Italiano, che ha aperto i lavori della giornata.

“Con Open Summit anche l’Italia” ha rilevato Salvo Mizzi, ceo di Invitalia Ventures “trova un grande evento internazionale che fin qui mancava. Il WebSummit e il South Summit, nati a Dublino e Madrid, hanno spinto gli ecosistemi spagnolo e irlandese in alto, attraendo investitori e talenti internazionali”.

 

L’evento ha rappresentato quindi una preziosa occasione per le startup del nostro Paese che hanno potuto entrare in contatto con venture capital e aziende italiane e internazionali.

Nello specifico, i partecipanti sono stati coinvolti attivamente in nove workshop dedicati a temi come venture capital, open innovation, così come sulle nuove frontiere tecnologiche in ambito finanziario e bancario, nei settori agro-alimentare, sanitario e in quelli relativi a energia e Ict.

Tra gli ospiti: Federico Marchetti, amministratore delegato di Yoox Net-A-Porter Group, primo unicorno italiano (ossia startup con valore pari o superiore al miliardo di dollari); Marco Bicocchi Pichi, presidente dell’Associazione Startup, e Paolo Barberis, consigliere per l’Innovazione del Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Ha partecipato a questo appuntamento anche la redazione di Shark Tank Italia, celebre reality show, in cui giovani imprenditori sono invitati a presentare la propria idea e il modello di business a un gruppo di investitori, per dare la possibilità ad alcune realtà di partecipare al casting per la prossima edizione.

 

Al Palazzo del Ghiaccio di Milano, tutti gli innovatori, dagli incubatori agli investitori, dai mentor alle istituzioni, dalle università alle aziende, si sono riuniti per premiare la migliore startup dell’anno, tra le 100 finaliste selezionate da oltre 50 giudici.

Il riconoscimento è andato a VisLab, startup italiana fondata da Alberto Broggi, docente all’Università di Parma, che ha studiato la messa a punto di un’auto che si guida da sola. Un progetto che rappresenta una grande eccellenza italiana, già valorizzata dal mercato internazionale in quanto la startup, nata nel 2010, è stata acquistata da Ambarella Inc, società americana quotata al Nasdaq, specializzata nello sviluppo di compressioni video e immagini attraverso semiconduttori.

“Credo che un evento di questo genere possa e debba essere un punto di partenza per tutti quei giovani che si trovano ad affrontare quelle sfide che li porteranno un passo più vicino ai loro obiettivi. La sfida con noi stessi, con coloro che riteniamo nostri competitor e con quelli che non credono in ciò per cui stiamo lottando sono fondamentali perchè ci aiutano a focalizzarci ancor più sui traguardi che vogliamo raggiungere. Penso che la mia storia tennistica possa esserne un ottimo esempio.” È l’augurio dedicato a questa nuova avventura dalla campionessa Flavia Pennetta, vincitrice US Open 2015.