Diventare osteopata, una professione in continua crescita

csot

L’offerta formativa del Centro Studi di Osteopatia Tradizionale di Roma

di Serena Selvarolo

“L’Osteopatia è una medicina non convenzionale riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e definita nel 2007 come una medicina basata sul contatto primario manuale nella fase di diagnosi e trattamento. È centrata sul soggetto e focalizzata sulla salute piuttosto che sulla malattia. Facilita la capacità di auto-guarigione innata dell’organismo, rispettando il rapporto tra struttura e funzione e anche per questo rispetta il rapporto tra corpo, mente e spirito. Per fare questo l’osteopata si avvale delle conoscenze osteopatiche e scientifiche. Tale approccio olistico nei confronti del trattamento dei soggetti si basa sull’idea che un essere umano rappresenti un’unità funzionale dinamica, nella quale tutte le parti sono interconnesse” (Fonte: E-book “Osteopatia – Prima l’Uomo” edito da C.S.O.T. Centro Studi di Osteopatia Tradizionale).

Alla base dell’osteopatia c’è dunque l’assoluta centralità del soggetto: prima di iniziare qualsiasi trattamento, l’osteopata deve stabilire una relazione con il paziente cui dovrà fornire informazioni circa le proprie preferenze, valori, abitudini nello stile di vita, operazioni chirurgiche subite, cure farmacologiche in atto, etc. Al contrario della medicina tradizionale, che punta alla cura di un disagio fisico e/o psichico, l’approccio dell’osteopatia è quello della ricerca della salute attraverso l’osservazione e il trattamento del soggetto finalizzato al ritrovamento del benessere psico-fisico.

Sono sempre più numerose le persone che oggi si rivolgono agli osteopati (il 3,6% di soggetti in una popolazione di 4,9 milioni di persone che scelgono una terapia non convenzionale si affida ai trattamenti manuali – dati ISTAT “tutela della salute ed accesso alle cure, anno 2013”) per curare disturbi di varia natura spesso legati allo stress della vita quotidiana fatta di troppi impegni e di problematiche fisiche legate all’utilizzo delle nuove tecnologie per lavorare; ma non è tutt’oro quel che luccica e bisogna essere molto attenti nell’affidarsi ad un professionista vero e certificato.

Fondamentale quindi anche per chi intende diventare osteopata la scelta della scuola, che deve possedere necessariamente dei requisiti formativi di base, dei requisiti socio-educativi nazionali ed europei e dei requisiti specifici che innalzano la qualità della formazione.

Per approfondire l’argomento, abbiamo intervistato Valeria Tontini e Giulia Gainnotti, docenti e tutor del Centro Studi di Osteopatia Tradizionale di Roma. Scuola di osteopatia accreditata dal Registro degli Osteopati d’Italia (ROI) il C.S.O.T. è una realtà formativa d’eccellenza che offre corsi di livello elevato che corrispondono agli standard internazionali di insegnamento per questa particolare materia.

Guarda la video intervista!
http://vimeo.com/151836369