La nuova réclame: la pubblicità sui social media da mobile

americo-bazzoffia

Scopriamo insieme come ideare e realizzare campagne pubblicitarie su social specifiche per essere visualizzate sui monitor dei telefonini

A cura di Americo Bazzoffia, libero docente universitario e consulente in comunicazione 

Il marketing sui social media è un ottimo modo per promuovere un’attività imprenditoriale e raggiungere vari obiettivi, come creare un pubblico affezionato o aumentare le vendite sul proprio sito web, oppure può offrire preziose informazioni sull’attività social dei clienti. Quindi il marketing sui social attraverso i telefonini mobile può giocare un ruolo fondamentale nell’ampliamento del proprio business.

Molte aziende hanno ormai la propria pagina d’impresa su i social, ma solo i più scaltri creano per la propria azienda una campagna pubblicitaria mobile sui social media. Eppure è molto semplice e può garantire risultati insperati.
Per poter fare pubblicità per dispositivi mobili sui social media occorre seguire tre semplici passaggi.
Innanzi tutto, come in ogni corretta strategia di comunicazione avanzata, nel mondo digital occorre individuare il mezzo, ossia quali social media si vogliono utilizzare. I social network hanno infatti finalità diverse, come coltivare le relazioni personali, condividere contenuti (alcuni sono dedicati a specifici tipi di contenuti, quali foto, video, slide, ecc.) oppure creare reti di natura professionale. Una volta compresi gli obiettivi di un network e delle persone che lo frequentano, si potrà operare un corretto media planning scegliendo gli spazi pubblicitari sul social più adatto all’attività o al prodotto che si desidera promuovere.

Successivamente tali sistemi consentono di sfruttare le funzionalità di targeting per pubblico. Le soluzioni pubblicitarie su social media quali Twitter, LinkedIn e Facebook, che offrono varie opzioni di targeting per far sì che gli annunci raggiungano le persone giuste in funzione di alcuni parametri socio-demografici e psicografici quali: età, sesso, area geografica, interessi o hooby.

Infine si creeranno gli annunci, tenendo bene a mente che la visualizzazione sul mobile e la sua funzionalità differiscono dall’uso su desktop. È però un dato consolidato che le persone tendono sempre più a visitare i social media dai propri dispositivi mobili piuttosto che da computer, dunque i messaggi devono essere ottimizzati per la visualizzazione su schermi piccoli come quelli del telefonino.

Come deve agire un’impresa che desidera promuovere la propria attività o i suoi prodotti con una campagna pubblicitaria sui social su telefoni mobile?

Se per esempio si ha una ditta di riparazione antenne e tv a Roma. L’obiettivo poniamo sia la necessità di far conoscere la propria attività a più persone possibili che vivono nell’area geografica dove insiste il punto vendita, utilizzando pubblicità mirate sui social media. A questo punto si potrebbe decidere di pubblicare annunci per dispositivi mobili su un social network, per portare più traffico al sito web dell’azienda. Come prima cosa i sistemi di pubblicità on-line ci chiederanno di individuare l’area geografica del target da colpire, nell’esempio persone di Roma. Poi, per non disperdere ed investire un budget eccessivo, si procederà, attraverso le opzioni di segmentazione, a selezionare tra le persone di Roma coloro che posseggono determinate caratteristiche a noi utili. Per esempio ci si potrà rivolgere a persone di Roma che sono proprietarie di casa, e di sesso maschile. Perché già si conosce che individui con tali caratteristiche costituiscono la fetta maggiore dei clienti dell’impresa oppure perché abbiamo troppo pochi clienti con queste caratteristiche mentre l’azienda ritiene che sia utile incrementarli per raggiungere maggiori profitti.
Per mirare ancor di più l’annuncio e non investire troppo denaro su targets più ampi del necessario, potremmo restringere ulteriormente puntando su individui che, oltre a possedere le caratteristiche esposte, hanno determinati interessi, svolgono determinate attività lavorative o seguono pagine sul social network scelto di un certo tipo. Quindi potremmo effettuare una campagna pubblicitaria mobile che strategicamente si rivolga a uomini di Roma interessati alle migliorie della casa, alle TV e ai problemi di telecomunicazioni.

I social media posseggono molte informazioni sui loro utenti, siamo noi stessi che più o meno consapevolmente gliele forniamo ogni qualvolta clicchiamo su pulsante “mi piace” o compiliamo il format dei dati personali del nostro profilo (data di compleanno, residenza, scuole effettuate, azienda in cui si opera e relazioni familiari) o dei libri e dei film preferiti, ecc.
Dal punto di vista del marketing ciò è certamente un espediente geniale perché, al contrario della targettizzazione che può avvenire per una trasmissione televisiva o radiofonica, i contatti che pensiamo di raggiungere non si basano su stime ed elaborazioni statistiche, ma su dati reali espressi e resi disponibili dal singolo utente.
Il tuo pubblico di destinazione – che effettivamente ha quello specifico interesse o possiede una determinata caratteristica – verrà effettivamente colpito dalla campagna pubblicitaria sul suo telefonino in modo sempre preciso e ponderato. Nell’esempio, l’attività di targeting su social consentirà all’azienda di riparazione antenne e tv di raggiungere un gruppo di persone molto specifico, in una zona geografica altrettanto circoscritta.

Terminata la fase di pianificazione strategica, occorrerà creare annunci che attirino l’attenzione degli utenti che frequentano il social da dispositivi mobili.
Sul telefonino, rispetto al desk del PC, gli annunci pubblicitari sono ineludibili, appaiono sempre come se fossero dei post ma, poiché gli schermi dei dispositivi mobili sono molto più piccoli di quelli dei computer, è meglio creare annunci semplici e soprattutto estremamente concisi. Si può scegliere di utilizzare annunci illustrati invece che di testo. Per esempio, un annuncio “carousel” per mostrare la nuova gamma di antenne paraboliche (riferendosi all’esempio fin qui esposto). Le persone possono così scorrere le immagini di tutti i prodotti offerti dall’azienda e fare clic su uno di essi per essere indirizzate direttamente al vostro sito web aziendale o su una pagina web per prenotare un appuntamento per la riparazione del TV o dell’antenna televisiva.

Sempre nell’ambito di una affinata strategia di marketing, l’azienda può scegliere di promuoversi all’interno di pagine social che hanno notevoli flussi di traffico e una precisa definizione di target. È il caso per esempio delle pagine social delle risorse di informazione (giornali, riviste, network televisivi e radiofonici) che, per le peculiarità dei contenuti offerti, sono ottimamente orientati su certi tipi di pubblico. La loro presenza sui social fa sì che l’azienda possa investire in comunicazione anche su questi spazi che i networks dell’informazione offrono.

Dunque le imprese – piccole, medie o grandi che siano – per poter realizzare nuovi profitti possono usare campagne pubblicitarie su social che possono essere viste direttamente sullo smartphone; progettare questo tipo di campagne impone la creazione di specifici annunci mirati che tengano conto del mezzo (il telefonino), il social media scelto e il pubblico che si intende colpire. Si tratta come descritto di un processo ideativo e realizzativo semplice, a basso costo e di ottima efficacia se ben confezionato. Infatti, alla base di qualunque campagna di comunicazione sui social c’è e ci deve essere un raffinato processo strategico, così come indicato.