Olio: in arrivo un ‘super contrassegno’ a tutela del Made in Italy

olivi

Il comparto impatta fortemente sull’economia italiana e ha bisogno di difendersi dalle frodi

L’olio extravergine d’oliva si prepara a difendersi dalle frodi. È in arrivo infatti un ‘super contrassegno’ coniato da Poligrafico e Zecca dello Stato che cingerà il collo delle bottiglie certificandone l’identità: solo l’olio ottenuto da olive italiane, trasformato in Italia e tracciato dalla pianta al consumatore finale. I margini di errore sulla garanzia del prodotto sono pari a zero.

“L’olio extravergine d’oliva di qualità è un fiore all’occhiello della nostra agricoltura” ha spiegato il presidente della Cia, Dino Scanavino. “Un comparto che impatta fortemente sull’economia e sul tessuto sociale di vaste aree del Paese, con oltre 700 mila aziende attive”. Si tratta però di un prodotto che “paga oltremisura una reputazione minata, nell’immaginario collettivo, da vicende come le truffe e le sofisticazioni”, che sottraggono al settore 1,5 miliardi di euro all’anno.

Il presidente del Cno-Consorzio nazionale degli olivicoltori, Gennaro Sicolo, si dice “pronto” a nome dell’azienda “a immettere il primo milione di bottiglie in distribuzione. Il progetto è teso a premiare quell’olio italiano che risponde ad alcuni parametri distintivi”.

“Grazie all’esperienza maturata nel tempo in ambito stampa di sicurezza integrata a sistemi ICT, abbiamo sviluppato questa efficace garanzia di controllo e tracciatura che segue l’intero processo e supporta tutta la filiera produttivo-distributiva” ha aggiunto l’a.d. dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Paolo Aielli.
Il sistema si basa su tre pilastri:

  • stampa di sicurezza (contrassegno) per il riconoscimento del prodotto a tutela dalla contraffazione; 
  • tracciabilità mediante sistema informativo per fornire informazioni sui canali di distribuzione dei prodotti contrassegnati; 
  • rintracciabilità attraverso numerazione univoca presente sui contrassegni che, unita al codice di controllo, consente di conservare traccia della storia del prodotto etichettato.

(D.C.)