Diritti

Bonus produttività: al via il Decreto

mani-scrivono

 

Pubblicato in Gazzetta ufficiale il provvedimento che disciplina l’erogazione dei premi di risultato e la partecipazione agli utili di impresa

Tutto pronto per l’avvio del bonus di produttività. Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale entra in vigore il decreto attuativo che disciplina l’erogazione dei premi di risultato e la partecipazione agli utili di impresa con tassazione agevolata.

La norma, prevista dalla legge di Stabilità 2016, prevede una tassazione agevolata con imposta sostitutiva del 10 per cento per i premi di risultato e per le somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili dell’impresa, entro il limite di 2 mila euro lordi, che sale a 2.500 euro per le aziende che coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro. La platea riguarda i lavoratori dipendenti che hanno un reddito fino a 50 mila euro lordi annui.

Misurazione degli incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza e innovazione: saranno i contratti collettivi di lavoro a fissare tali criteri, che possono consistere nell’aumento della produzione o in risparmi dei fattori produttivi ovvero nel miglioramento della qualità dei prodotti e dei processi, anche attraverso la riorganizzazione dell’orario di lavoro non straordinario o il ricorso al lavoro agile.
Un beneficio che avvantaggia anche il welfare aziendale: vengono infatti disciplinati gli strumenti e le modalità attraverso cui le aziende realizzano il coinvolgimento paritetico dei lavoratori nell’organizzazione del lavoro e l’erogazione tramite voucher di beni, prestazioni e servizi, come ad esempio quelli di educazione e istruzione per i figli o di assistenza ai familiari anziani o non autosufficienti.

La legge di Stabilità prevede che le risorse finanziarie siano reperite attraverso corrispondenti riduzioni del Fondo per l’occupazione, per un ammontare di
– 344,7 milioni per l’anno 2016,
– 325,8 milioni per il 2017,
– 320,4 milioni per il 2018,
– 344 milioni per il 2019,
– 329 milioni per l’anno 2020,
– 310 milioni per il 2021,
– 293 milioni annui a decorrere dal 2022.

Per un approfondimento vedi il nostro precedente articolo: http://www.donnainaffari.it/lavoro/diritti-e-parita/4579-premi-produttivita-lavoratori-al-via-detassazione

(dar)

 

Potrebbe interessarti