Offerte di lavoro: Capgemini Italia cerca personale

capgemini

Sono 250 i profili che la società leader mondiale nei servizi di consulenza, information technology e outsourcing sta cercando, tra professionisti e neolaureati

Nel primo semestre 2016 Capgemini Italia ha già inserito 450 figure professionali e altre 250 ne inserirà entro fine anno. I settori di competenza richiesti sono: Digital Transformation, Internet of Things e Innovation Technology. In particolare i nuovi profili verranno selezionati tra figure senior e figure junior. In questo secondo caso si tratta di giovani laureandi e neolaureati in:
– Informatica,
– Ingegneria Informatica,
– Ingegneria Gestionale,
– Ingegneria delle Telecomunicazioni,
– Ingegneria Elettronica,
– Economia.

Vengono ricercate tali figure per rispondere alle continue sollecitazioni del mercato e alle diverse esigenze dei clienti. Le offerte di lavoro sono dirette anche a profili professionali con comprovate conoscenze tecnologiche in ambito Internet of Things (IoT), Digital Transformation, Innovation Technology e ERP – con focalizzazione su piattaforme SAP, Microsoft Navision e Microsoft AX – e consulenti di business e processi che abbiano maturato competenze importanti su mercati come Manufacturing, Financial Services, Telecomunicazioni & Media e Pubblica Amministrazione. In questo caso dunque le offerte di lavoro sono dirette a professionisti con un elevato livello di specializzazione sui mercati e sulle tecnologie in cui opera, profili con esperienza e capacità di condividere sfide, obiettivi e successi con i team di lavoro, capacità di analizzare il business e trovare risposte adeguate ai rapidi cambiamenti del mercato.

Capgemini insomma cerca persone che abbiano voglia di mettersi in gioco, con una forte propensione all’innovazione, importanti motivazioni, ottime capacità di problem solving e di team working.
Tra i requisiti fondamentali anche la conoscenza della lingua inglese, per tutti i ruoli richiesti.

Il percorso di inserimento prevede un breve stage retribuito affiancato da una prima fase di training specializzato, denominato Academy, che garantisce 30 giorni di formazione qualificata per favorire l’integrazione dei neo assunti nei team di progetto. A questo seguirà, a valle di una valutazione positiva, l’assunzione con contratto di apprendistato.

L’Amministratore delegato di Capgemini Italia, Maurizio Mondani, spiega: “la crescita costante del nostro organico sia in termini quantitativi sia di tipologie di profili e competenze è espressione di strategie di business orientate all’innovazione, da una parte, e del nostro investimento in talento, conoscenza e sapere individuali; per questo poniamo particolare attenzione nell’attuare politiche di sviluppo dei talenti che possono evolversi in un ambiente stimolante e creativo, essere valorizzati e seguiti nei loro percorsi professionali, permettendo alla nostra organizzazione di innovare, progredire e gestire i cambiamenti del mercato”.

Il riferimento all’ambiente stimolante e creativo è avvalorato dalla certificazione – ottenuta quest’anno per la settima volta – Top Employers per la qualità dell’ambiente lavorativo. Si tratta della ricerca annuale condotta dal Top Employers Institute, ente che certifica le migliori aziende al mondo in ambito HR (human resources): quelle che offrono eccellenti condizioni di lavoro, che formano e sviluppano i talenti a ogni livello aziendale e che si sforzano costantemente di migliorare e ottimizzare le loro Best Practice nel campo delle Risorse Umane.

Infine una nota su Capgemini: nel 2015 il Gruppo, che ha 180.000 dipendenti ed opera in 40 Paesi al mondo, ha registrato ricavi per 11,9 miliardi di euro.
Capgemini lavora in accostamento e a supporto dei propri clienti per realizzare specifiche soluzioni di business, tecnologiche e digitali, per soddisfare le loro esigenze di innovazione e competitività.

(D.M.)