Buy Tourism On Line BTO 2016: l’incontro tra turismo e innovazione

buy-tourism-online

Nella sala Stampa Estera di Via dell’Umiltà a Roma è stata presentata l’edizione 2016 del BTO (Buy Tourism On Line)

La manifestazione, che da nove anni fa incontrare gli operatori del settore turistico (dal booking agli albergatori, dalle travel agency alle compagnie aeree) e segue le tendenze in continua evoluzione del modo di viaggiare di pari passo all’ innovazione tecnologica, si svolgerà dal 30 Novembre al 1 Dicembre 2016 alla Fortezza da Basso di Firenze.
In una Toscana dove il turismo rappresenta una delle maggiori fonti di sviluppo economico, BTO si fa crocevia di idee per affrontare a livello nazionale le sfide di domani con il supporto della digitalizzazione che sempre più si sta imponendo anche in questo settore e sta cambiando il modo di pensare e vivere i viaggi.

Il tema di questa nona kermesse sarà “Why!”, del quale titolo l’organizzatore, Giancarlo Carniani, tiene a sottolineare la valenza esclamativa, proprio perché il modo di guardare al mondo del travel nelle sue declinazioni motivazionali, emozionali e in accordo con i bisogni della vita piuttosto che in chiave logistica, è già un’innovazione.
Partendo da questo presupposto verranno analizzate in 180 iniziative, 7 sale focus, 2 main hall (una italiana e una straniera) e un’ala dedicata a Best Western, tutti i perché del viaggiare: dalle tendenze dei viaggiatori ai sistemi e alla qualità dell’offerta, scendendo nel cuore delle aziende, che devono essere la base del cambiamento.

Alla conferenza stampa di presentazione hanno partecipato, insieme a Carniani, anche l’Assessore alle Attività produttive, al Credito, al Turismo e al Commercio della Regione Toscana Stefano Ciuoffo, il Responsabile marketing di Enel Aurelio Sarno, la Sottosegretaria di Stato al Ministero dei Beni Culturali e Ambientali e del Turismo (Mibact) Dorina Bianchi e il Presidente della Camera di Commercio di Firenze Leonaro Bassilichi.

Proprio quest’ultimo ha sottolineato l’importanza di intercettare la nuova domanda e capirne le motivazioni per rispondere con efficacia. “BTO” ha affermato Bassilichi “è un esperimento, una piazza, un elemento di opinione che risponde ai nuovi fenomeni economici che impattano sul sociale. (…) La Regione Toscana, ospitando BTO, diventa un mezzo, un trampolino di lancio per dare a tutti una possibilità facendo incontrare tutte le Regioni e da qui partire per un dialogo con le istituzioni”.

Sul dialogo interregionale e con lo Stato è intervenuto anche l’Assessore Ciuoffo, aggiungendo che in una fase di ridisegno delle politiche legate al turismo quale è quella attuale, non deve esistere un distacco tra Regioni e istituzioni in quanto, nell’addentrarsi in un mercato che muta, le strategie vincenti sono quelle che nascono da percorsi condivisi tra tutte le parti attrici nel cambiamento – quindi anche Mibact, Mise (Ministero dello Sviluppo Economico) e enti di diritto pubblico.

In rappresentanza del Mibact la Sottosegretaria Bianchi ha ricordato come “l’approccio diverso di BTO stia proprio nel considerare le vite, perché il turismo deve creare un rapporto emotivo con i luoghi e far conoscere le mete meno tradizionali, anche quindi delocalizzando dalle grandi città d’arte e valorizzando quei borghi antichi che sono una ricchezza economica anche se meno conosciuti. La digitalizzazione ci aiuta a far conoscere itinerari secondari e come Mibact abbiamo firmato col Mise un accordo per un progetto pilota che è già partito e darà i suoi frutti a febbraio 2017, sull’accesso a internet gratuito nelle grandi città, nei luoghi balneari, nelle città della cultura e nelle vie d’entrata del nostro Paese come stazioni e aeroporti”. Il progetto nasce per agevolare l’uso di internet in uno scenario in cui i dati indicano come siano largamente utilizzati smartphone e tablet per operazioni di prenotazioni viaggi e informazioni turistiche.
La digitalizzazione insieme alla sostenibilità e alla valorizzazione del territorio sono anche i tre aspetti che hanno portato Enel a sostenere BTO, come ha precisato Sarno.

Per le Start-up

Le due giornate del BTO, che vedranno anche speaker che rappresentano i maggiori players di duraturo successo nel panorama del travel – tra i quali Kenny Jacobs, Capo Ufficio Marketing di Ryanair, Adrian Hands, Senior Director di Tripadvisor e Javier Delgado Muerza, Head of Travel Vertical Search di Google – accoglieranno anche una manifestazione nella manifestazione: la Start-Up Italian Open. Promossa da Sistema Toscana e PromoFirenze, inizierà un giorno prima del BTO per terminare con questo e sarà dedicata alle start-up europee.
Organizzata come un torneo, premierà l’innovazione nel travel e il vincitore avrà la possibilità di presentare la propria idea all’evento internazionale Phocuswright che si terrà ad Amsterdam nel 2017.
Ma non sarà l’unica novità che il BTO poterà con sé quest’anno. Infatti nel suo panel finale BTO 2016 sarà già proiettato nel futuro, all’edizione 2017. L’argomento che verrà affrontato, la robotica nel travel, anticiperà il tema della prossimo anno. Non solo: il BTO sarà seguito da un evento totalmente dedicato all’individuazione di azioni collegiali a livello nazionale per promuovere il turismo con l’uso del digitale. L’evento, dal titolo “Ecosistemi digitali”, si svolgerà il giorno 2 Dicembre nel Padiglione Cavaniglia della Fortezza da Basso.

L’attenzione alle motivazioni di chi cerca un servizio dimostra che fare business oggi significa sempre più adattarsi alle vite piuttosto che “creare posti letto”. Ragionare su cosa offrire in base ai bisogni di chi cerca riduce i fallimenti e apre ad un concetto di inclusività di cui il mondo del travel deve tenere sempre più conto.
La digitalizzazione è uno strumento di accompagnamento fondamentale in questo processo per renderlo più veloce, più facile e agevole per chi cerca e per chi offre.

Questo slideshow richiede JavaScript.