Lavoro, Istat: ad agosto 13 mila occupati in più

Secondo il consueto report mensile dell’Istituto, ad agosto si registra un boom di lavoratori over 50. Dinamiche positive anche per l’occupazione femminile

Il mercato del lavoro inizia a ripartire. Ad agosto la stima degli occupati registra un lieve incremento rispetto al mese luglio: si tratta di un +0,1 per cento, pari a 13 mila unità in più. La notizia arriva dall’Istat che nel confronto con agosto dello scorso anno rileva un aumento di 162 mila occupati (+0,7 per cento).

La stima dei dipendenti aumenta dello 0,3 per cento (+47 mila, di cui 45 mila sono lavoratori a tempo indeterminato), mentre gli indipendenti diminuiscono dello 0,6 per cento (-34 mila). La stima mensile dei disoccupati ad agosto è “ancora in lieve diminuzione” (-0,1 per cento, pari a -3 mila); stabili gli inattivi.

Su base annua, invece, si conferma “la tendenza all’aumento del numero di occupati” (+0,7 per cento su agosto 2015, pari a +162 mila); la crescita tendenziale è attribuibile “esclusivamente” ai dipendenti permanenti (+253 mila) e si manifesta per uomini e donne, concentrandosi “totalmente” tra gli over 50 (+401 mila). Per i dipendenti a termine, sempre nel confronto con agosto 2015, si registra un lieve calo (-0,1 per cento, pari a -2 mila unità). Se gli indipendenti calano dell’1,6 per cento (-89 mila); nello stesso periodo risultano stabili i disoccupati, mentre calano gli inattivi (-2,1 per cento, pari a -296 mila).

Più nel dettaglio, nel mese di agosto si evidenziano “dinamiche positive” per il lavoro femminile e l’occupazione degli over 50. Rispetto a luglio l’Istat rileva infatti un aumento delle donne occupate pari a 41 mila unità (+0,4 per cento), a fronte di un calo della componente maschile pari a 28 mila unità (-0,2 per cento). Anche rispetto ad agosto 2015, si registra un aumento per le lavoratrici pari a 91 mila unità (+1 per cento), mentre per i lavoratori l’incremento si ferma a 71 mila unità (+0,5 per cento). L’aumento maggiore degli occupati nel periodo di riferimento riguarda le persone di 50 anni o più, che crescono di 50 mila unità (+0,6 per cento) nel confronto mensile e di 401 mila unità (+5,4 per cento) nel confronto annuale. Rispetto ad agosto 2015 sono l’unica fascia di età che vede una crescita degli occupati.