LoveItaly Challenge: la sfida creativa della cultura

foto-loveitaly

LoveItaly: un contest rivolto ai giovani del Lazio per la promozione e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano

Nella sede di Luiss EnLabs è stato presentato a Roma un progetto definito “rivoluzionario” dagli ideatori e dagli esperti che accompagneranno la sua realizzazione: LoveItaly Challenge.
Nato dalla collaborazione tra Villa Farnesina e LoveItaly, organizzazione no profit che si dedica alla preservazione, promozione e valorizzazione del patrimonio culturale italiano, questo progetto, pensato in forma di contest, si configura come la prima importante sfida per la riqualificazione partecipata e interattiva delle bellezze archeologiche del nostro Paese, attraverso il coinvolgimento dei giovani, con un approccio multidisciplinare.
Il punto di forza innovativo e originale è quello di far costruire ai partecipanti tutta la filiera della conservazione di un bene culturale, dalla parte relativa al marketing a quella che riguarda il restauro, organizzandoli in gruppi nei quali siano presenti percorsi formativi differenti, che abbraccino tutte le professionalità. Lo scopo è di far sentire i giovani parte del processo di sviluppo del nostro Paese, che si basa anche sulla riqualificazione, sfruttando le conoscenze tecnologiche attuali, delle bellezze del passato, che in Italia sono una risorsa straordinaria.

Portare i giovani a ritrovare interesse per queste bellezze, stimolando la loro creatività e partire dalle loro idee per una nuova concezione di vivere la cultura è la base per ricreare consapevolezza del patrimonio offerto dal nostro Paese e voglia di conoscerlo in tutta la popolazione.

Il ruolo protagonista dei giovani è stato sottolineato da Alan Favuzzi, Presidente di LoveItaly Young e promotore di questo contest, con un passaggio particolare in cui ha richiamato l’attenzione sulla necessità e non solo il piacere che i giovani debbano ritrovare interesse per i beni culturali, poiché il patrimonio è qualcosa che si tramanda e i giovani di oggi saranno coloro che dovranno insegnare a quelli di domani a prendersene cura, rimettendo veramente al centro di tutti i nostri progressi l’attenzione al passato. Un passato che, come ribadito da Alessandro Zuccari, socio dell’Accademia Nazionale dei Lincei, non è solo storia e arte, ma anche la base della ricerca scientifica, lo specchio di una natura che evolve e plasma il futuro.

Villa Farnesina, la cui area formata dalla Saletta Pompeiana e le due stanze attigue è l’oggetto della riprogettazione nel contest, incarna questo connubio tra cultura, natura, mondo dell’arte e della ricerca e si pone come prima culla di questa rivoluzione del concetto di patrimonio culturale, dalla quale LoveItaly, nelle parole del Presidente Richard Hodges, si augura di proseguire, implementando un modello di intervento che sia replicabile e applicabile a tutto il patrimonio italiano, dal quale nasceranno nuove opportunità e posti di lavoro.

Alla conferenza di presentazione del progetto, in rappresentanza di tutte le professionalità e le realtà coinvolte, sono intervenuti anche Stefano Pighini, Socio Fondatore di LoveItaly e Presidente di LVenture Group, Maria Laura Santarelli, Direttrice del CISTec (Centro di Ricerca in Scienze e Tecniche per la conservazione del Patrimonio storico-architettonico) dell’Università La Spienza, Claudia Giommarini, Responsabile Ers (Etica, Responsabilità e Sostenibilità) dell’Università Luiss Guido Carli, Alice Valente, Responsable Comunicazione Accenture, Andrea Paolantoni di Palombini, Paolo Petrocelli, Presidente Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco.

La presenza di Piero Angela ha attribuito ulteriore forza all’iniziativa che si presenta come uno di quei percorsi destinati a sorprendere. Angela ha messo al centro il tema della divulgazione del sapere come aspetto fondamentale spesso messo invece in secondo piano. L’idea di LoveItaly Challenghe di creare un modo diverso e nuovo di accedere alla cultura lo riporta in prima linea e fa sì che si pensi alla cultura non come più come qualcosa solo da osservare ma qualcosa in cui penetrare, in cui coinvolgersi, con l’aiuto della creatività e della digitalizzazione.

Come è stato concepito il contest

Il bando di partecipazione a LoveItaly Challenge è rivolto agli studenti universitari degli Istituti di Roma e del Lazio.
La durata del challenge sarà dal 13 Ottobre 2016 al 27 novembre 2016.
I partecipanti saranno suddivisi in gruppi da 3 a 5 persone, provenienti da Facoltà diverse. Esperti , in tre sessioni di tutoraggio che si svolgeranno rispettivamente la prima all’interno di Villa Farnesina, la seconda all’Università La Sapienza e la terza alla Luiss, affiancheranno gli studenti nella realizzazione di un concept multifocale per la riqualificazione delle tre stanze di Villa Farnesina.

d
I partecipanti potranno lavorare in sinergia sulla piattaforma di LoveItaly, “ideatre60”.
Al termine del concorso i progetti realizzati saranno valutati da una commissione autorevole e la serata di premiazione la serata di premiazione si svolgerà il 12 Dicembre 2016 nell’Auditorium all’interno di Villa Farnesina, in cui saranno esposti i tre progetti migliori e proclamato il vincitore.
Tutti gli aggiornamenti saranno consultabili sul sito loveitalychallenge.ideatre60.it ed i dettagli tecnici del bando saranno presentati nell’evento di apertura che si terrà il 13 Ottobre 2016 a Villa Farnesina.