Fondo Rotativo Cinema per il Lazio

cinema-lazio

Per chi sa creare e sfidare il mercato dal 24 gennaio 2017 le imprese che si occupano di cinema e audiovisivo possono presentare le domande per il Fondo rotativo

Dal 24 gennaio è possibile presentare la domanda di concessione di prestiti a tasso agevolato relativi al Fondo di rotazione proposto per la prima volta dalla Regione Lazio. Destinatari: giovani imprese del settore audiovisivo, in grado di combinare in un progetto creatività e capacità gestionale.
L’obiettivo è sostenere le piccole aziende di produzione indipendente di film, video e programmi televisivi, che hanno difficoltà di accesso al credito bancario, ma che nello stesso tempo dimostrano di poter attrarre finanziamenti da investitori indipendenti.

Pubblicato sul BUR n.103 del 27 dicembre 2016, il Fondo di rotazione viene erogato dalla Regione Lazio attraverso Lazio Innova.
Principale requisito di ammissibilità è la sede operativa nel Lazio, dove devono lavorare la maggior parte dei dipendenti impegnati nel progetto. L’azienda deve essere giovane: non deve avere più di 5 anni, e non risultare il proseguimento di un’attività precedente che nel complesso superi questo limite di anzianità.

Al momento della presentazione della domanda, deve essere stata richiesta la Nazionalità italiana per l’opera audiovisiva in progetto, che non deve essere identificata come pubblicità, materiale didattico e informativo o dai contenuti non etici.
I richiedenti devono inoltre aver stipulato un contratto vincolante, per un ammontare non inferiore al prestito richiesto, e comunque non inferiore al 20% dei costi di produzione, con uno o più investitori indipendenti. Questi ultimi in genere sono società che fruiscono di vantaggi fiscali, più orientate a scommettere sulle opere innovative. Come i portali di crowdfunding, che non operano nella produzione ma nella raccolta di fondi.

Perché fondo rotativo? Si autofinanzia attraverso il rientro dei prestiti: una volta assegnate le quote del fondo, ogni partecipante restituisce la somma ratealmente, consentendo l’autofinanziamento e il rinnovo annuale del bando.
In dotazione 1,25 milioni di euro, anche se vengono accolte domande fino alla copertura di un’ulteriore 50%, come riserva di futuro recupero in caso di rinuncia, inammissibilità o revoca delle richieste.

L’agevolazione consiste nell’erogazione di un prestito, non inferiore ai 20.000 euro e non superiore ai 100.000 euro, al tasso dello 0,5%, che deve essere rimborsato in sei rate semestrali da versarsi il 31 marzo e il 30 settembre di ogni anno.

Lo sportello rimane aperto fino all’esaurimento della dotazione finanziaria, mentre il Comitato di Garanzia istituito presso Lazio Innova verifica l’aderenza delle domande alle prescrizioni dell’Avviso, ed effettua la valutazione del merito creditizio, ossia dell’affidabilità economico finanziaria dell’azienda e la sua capacità di restituzione del prestito. Per consentire la valutazione è necessario allegare al formulario di partecipazione una serie di documenti relativi all’attività dell’impresa: accordi con gli investitori, piano dei costi (di produzione e di promozione) e copertura finanziaria, soggetto e sceneggiatura dell’opera audiovisiva.

Le domande devono essere inoltrate esclusivamente on line, attraverso la piattaforma GeCoWeb sul portale www.lazioinnova.it: essendo esaminate in ordine di arrivo, è conveniente effettuare al più presto la registrazione. E per accreditarsi occorre passare prima per la propria Camera di Commercio, dove viene rilasciata una chiavetta contenente tutti i dati aziendali.
Insomma, un fondo destinato a chi può fare innovazione ma anche produrre fatturato. Per aziende giovani, sì, ma probabilmente dirette da manager navigati, o quantomeno molto dotati in materia di marketing e progettazione economica. E per gli imprenditori dell’audiovisivo alle prime armi, una sfida ed un incentivo ad approfondire le competenze gestionali.

Gli aspiranti beneficiari del Fondo possono ricevere ulteriori informazioni al numero verde 800.989.796, o alle e mail info@lazioinnova.it e infobandiimprese@lazioinnova.it.