Aperto il bando per Agrifood Camp

agrifood simbolo 2 edizione

BIC Lazio ha aperto il bando della seconda edizione del programma Agrifood Camp, programma finalizzato alla nascita di startup innovative nei settori dell’agroalimentare

Attraverso il bando BIC Lazio selezionerà idee e progetti imprenditoriali innovativi nel settore agroalimentare (produzione agricola primaria, trasformazione, confezionamento e packaging, distribuzione e logistica, comunicazione, ecc). Il programma – realizzato in collaborazione con Sapienza Università di Roma (polo di Latina), ENEA – Dipartimento dei Sistemi Produttivi e Territoriali (SSPT), Salumificio Castelli, Ferrari Farm, Cooperativa San Lidano, Birrificio Pontino, BCC di Formello e Trevignano Romano, Associazione Virgilio 2080 – si rivolge a chi ha un talento personale, a innovatori, ricercatori, start-up ed imprese propense ad innovare e disposte ad investire la loro competenza per sviluppare progetti imprenditoriali nei settori della filiera agroalimentare.

Agrifood Camp prevede, per 4 settimane:
• incontri settimanali di formazione, testimonianze, eventi di networking, pitching, business planning;
• tutor a supporto;
• mentor di grande competenza;
• accesso al FabLab dello Spazio Attivo di Bracciano e Latina;
• postazioni di lavoro nel Talent Working;
• pitching battle finale.

Chi, con la propria idea progetto, avrà superato con successo la fase di validazione (terza settimana), avrà l’opportunità di conoscere gli strumenti finanziari per lo sviluppo e il consolidamento di start-up (bando Pre-seed e ISF 3 gestiti da Lazio Innova, Smart&Start e Nuova Impresa a Tasso zero di Invitalia, Fondo di garanzia – MISE, eventuali piattaforme di crowdfunding) e di essere accompagnato, successivamente alla definizione del business model, ad un’eventuale presentazione della domanda per accedere ai fondi delle misure sopracitate.

Il percorso Agrifood Camp avrà inizio il 5 giugno 2017 e si terrà contemporaneamente presso lo Spazio Attivo di Bracciano (via Valle Foresta 6) e lo Spazio Attivo di Latina (via Carlo Alberto 22). Nel presentare la propria candidatura si dovrà specificare sia se si è un singolo o un team o una start-up o un’impresa, sia in quale spazio attivo si preferisce seguire l’iniziativa. Le candidature vanno presentate entro le ore 12,00 del 29 maggio 2017 compilando il form che alleghiamo all’articolo e inviandolo per e-mail a: sectormed@biclazio.it.

I progetti imprenditoriali e/o le startup dovranno operare in filiera o in connessione con i seguenti temi:
– tecnologie per la raccolta o la captazione di informazioni sullo stato delle colture (risparmio ed ottimizzazione nell’uso delle risorse e dei processi, miglioramento della qualità);

– sviluppo e messa a punto di modelli gestionali sulla base delle informazioni raccolte con i sistemi indicati nel punto precedente;
– tecniche di machine learning e big data per il decision making predittivo e funzionale alle attività agroalimentari;
– dispositivi per l’agricoltura in grado di effettuare azioni mirate e funzionali all’ottimizzazione dei processi;
– tracciamento dei flussi di prodotti agroalimentari nella filiera distributiva e commerciale, fornendo servizi ai diversi operatori fino ai consumatori finali;
– applicazioni innovative e cross-settoriali per la valorizzazione di scarti di produzione, lavorazione, distribuzione e vendita;
– servizi innovativi di supporto alle aziende, per la mitigazione degli impatti ambientali (in fase di produzione, lavorazione, distribuzione e vendita) anche attraverso la messa a sistema di economie di scala;
– servizi alle imprese per la certificazione, etichettatura, e qualificazione di prodotti e sottoprodotti;
– tecnologie legate allo sviluppo dell’acquaponica e idroponica.

Rendiamo noto che i soggetti ammessi alla selezione saranno convocati via e-mail per presentare il loro progetto – tramite video, presentazioni animate o altro supporto – in un tempo massimo di 5 minuti il giorno 31 maggio 2017 presso lo Spazio attivo di Roma Casilina.
I progetti verranno selezionati in base al loro contenuto innovativo e alla competenza dei proponenti.