Campus Party arriva in Italia

campus-party

Campus Party, l’evento internazionale più grande al mondo sul talento e sull’innovazione, dedicato ai giovani talenti dai 18 ai 28 anni, sbarca a Milano dal 20 al 23 Luglio 2017: oltre 6.000 campuseros (così vengono chiamati tutti i partecipanti di Campus Party) – sono attesi alla prima edizione italiana del festival internazionale dedicato a tecnologia, imprenditoria, coding, scienza, creatività ed entertainment

Unico nel suo genere, sia per caratteristiche dell’evento stesso, sia per la varietà dei protagonisti interessati, Campus Party coinvolge non solo giovani talenti, ma anche università, aziende, istituzioni e community.

4 giorni, 24 ore su 24, oltre 400 ore di contenuti: speech e workshop con relatori di spicco del panorama nazionale ed internazionale e CPHack, esclusivo format per le hackathon e le call for ideas di Campus Party. Non mancherà, inoltre, la possibilità di provare le nuove tecnologie, in un’area dedicata.

I numeri di #CPIT1
● 4 giorni, 24/24
● 3 aree (Arena, Experience, Camping)
● 400 ore di contenuti (CPHack compresi)
● 6.000 campuseros (+5.000 visitatori giornalieri)
● 6 temi principali (Entrepreneurship, Coding, Creativity, Technology, Science, Entertainment)

L’edizione italiana ha il patrocinio della Commissione Europea, della Federazione ANIE, di Assolombarda, ed il supporto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI). Partner ufficiali dell’evento anche il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), che garantirà la qualità dei contenuti scientifici, e l’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID).

Aree
● Experience, dove poter toccare con mano il futuro e le tecnologie innovative – droni, robot, Virtual Reality, simulatori, ma anche Makers. Aziende, Istituzioni e Università, inoltre, esporranno soluzioni e progetti all’avanguardia.
● Arena – sette palchi, per ospitare 400 ore di contenuti, tra talk, panel, BarCamp, interviste e workshop, con relatori di spicco nel panorama nazionale ed internazionale. È anche il luogo dove i campuseros lavoreranno insieme, dove le menti più brillanti parteciperanno ai CPHack e le community avranno la possibilità di incontrare i propri membri ed organizzare i propri eventi.
● Camping – il luogo di riposo dei campuseros. Chi desidera vivere l’esperienza di Campus Party a 360°, potrà alloggiare in tenda all’interno della Fiera, per tutta la durata della manifestazione.

CPHack – Talento per cambiare il mondo
CPHack e CPHack idea, sono modelli esclusivi di Campus Party: hackathon e call for ideas trasformate in vere e proprie gare di innovazione con un percorso unico che si differenzia per durata e modalità di esecuzione (online e offline), in cui i talenti verranno chiamati a competere tra loro per individuare le migliori soluzioni ai problemi economici o sociali e per innovare aziende e istituzioni. Fare la differenza, stimolando le migliori proposte di cambiamento anche sui grandi temi sociali a livello globale.

Campus Party nel mondo – 60 edizioni in 11 Paesi e 1 Guinness World Record
Format nato nel 1997 in Spagna, ad oggi Campus Party conta 60 edizioni organizzate in 11 Paesi (Argentina, Brasile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Germania, Gran Bretagna, Messico, Paesi Bassi, Spagna). Presente ovunque con edizioni annuali, nel 2017 Campus Party lancerà nuove edizioni in Brasile, Italia, Portogallo, Singapor e nel 2018 in Sud Africa.
Campus Party nel mondo conta inoltre di numerosi successi: 1 Guinness World Record per il più grande hackathon sociale, 1 Milione di followers sui social network, +480.000 profili in Campuse.ro – piattaforma ufficiale di Campus Party – centinaia di Aziende, Istituzioni, Media, 600 Università e oltre 700 Community Partner dell’evento.

Speakers
Sono stati annunciati i primi 24 relatori che saliranno sui sette palchi tematici e racconteranno le loro testimonianze di innovazione al pubblico che sarà presente a Campus Party Italia questo luglio; esperienze di vita, di crescita, di successi, di invenzioni e punti di vista su ciò che sarà il futuro della società, le nuove tecnologie, il lavoro ed i grandi temi sociali.
Il primo Main Speaker annunciato è Federico Faggin, fisico, padre della rivoluzione al silicio, da cui Silicon Valley – inventore dei primi microchip commerciali al mondo (Intel 4004, Intel4040, Intel8008, Intel8080 e Z80), del touchpad e del touchscreen.

Un modello rivoluzionario per cambiare il paese
La particolarità di Campus Party è la capacità di creare, in ogni edizione, un circolo virtuoso nel quale talenti, aziende, istituzioni, università e community si incontrano grazie ad un modello “win-win”, che premia non solo il talento, ma anche l’ambiente in cui si è sviluppato. È un modello rivoluzionario, dove tutti gli attori sono stimolati e coinvolti nel creare soluzioni innovative che contribuiscono a migliorare il sistema paese, traendo vantaggio nel risolvere i problemi degli altri.

Perché funziona il modello Campus Party
• Università e community sono stimolate a trovare giovani di talento e contenuti di qualità per vincere i premi.
• I talenti sono motivati a dare il massimo per vincere i CPHack e farsi assumere dalle aziende più innovative.
• Le aziende sono incentivate a finanziare i CPHack in relazione alla qualità del risultato (garantito dai migliori talenti del paese) e alla possibilità di individuare talenti da assumere.
• Le istituzioni sono interessate a lanciare CPHack perché ricevono idee per risolvere problemi sociali e perché supportano un modello innovativo che crea un circolo virtuoso per il paese.
• I media partner sono interessati a promuovere l’evento perché ricevono in cambio contenuti e idee per nuovi format di grande interesse per il pubblico giovane.