Fisco: cos’è il Modello Redditi?

foto-soldi-su-agenda

Dichiarazione dei Redditi PF2017: novità, detrazioni e spese

Quest’anno l’Unico va in soffitta ed è sostituito dal modello Redditi 2017. Il nuovo modello deve essere utilizzato dalle persone fisiche, anche titolari di Partita Iva, per la dichiarazione dei redditi imponibili Irpef conseguiti nel 2016. I titolari di partita Iva sono comunque tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale anche in assenza di reddito imponibile.

La dichiarazione dei Redditi PF 2017 riguarda i contribuenti titolari di redditi da terreni, fabbricati, lavoro autonomo occasionale o continuativo, d’impresa, da lavoro dipendente e/o pensione e altre tipologie di reddito.

Quali sono le scadenze per la presentazione del modello Unico 2017 per le persone fisiche?

  • dal 2 maggio 2017 al 30 giugno 2017 per chi presenta il modello Redditi PF in forma cartacea per il tramite di un ufficio postale;
  • entro il 2 ottobre 2017 (il 30 settembre 2017 cade di sabato) se la presentazione viene effettuata per via telematica, direttamente dal contribuente ovvero se viene trasmessa da un intermediario abilitato alla trasmissione dei dati.

Novità per detrazioni e spese

Le principali novità contenute nel modello REDDITI/2017 sono state oggetto di chiarimenti nella Circolare n.7/E dell’Agenzia delle Entrate e possono essere riassunte come segue:

Erogazioni liberali a tutela delle persone con disabilità grave
A decorrere dall’anno d’imposta 2016 è possibile fruire della deduzione del 20% delle erogazioni liberali, le donazioni e gli altri atti a titolo gratuito, complessivamente non superiori a 100.000 euro, a favore di trust o fondi speciali che operano nel settore della beneficenza.

School bonus
Per le erogazioni liberali di ammontare fino a 100.000 euro effettuate nel corso del 2016 in favore degli istituti del sistema nazionale d’istruzione è riconosciuto un credito d’imposta pari al 65% delle erogazioni effettuate che sarà ripartito in 3 quote annuali di pari importo.

Credito d’imposta per videosorveglianza
È riconosciuto un credito d’imposta per le spese sostenute nel 2016 per la videosorveglianza dirette alla prevenzione di attività criminali.

Detrazione spese arredo immobili giovani coppie
Alle giovani coppie, anche conviventi di fatto da almeno 3 anni, in cui uno dei due componenti non abbia più di 35 anni e che nel 2015 o nel 2016 hanno acquistato un immobile da adibire a propria abitazione principale, è riconosciuta la detrazione del 50% delle spese sostenute, entro il limite di 16.000 euro, per l’acquisto di mobili nuovi destinati all’arredo dell’abitazione principale.
L’unità immobiliare in questione deve essere stata acquistata a titolo oneroso o gratuito.
La detrazione spetta per le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2016 per l’acquisto, anche effettuato all’estero, di mobili nuovi destinati all’arredo dell’abitazione principale della giovane coppia (ad esempio per letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione) ma non spetta per l’acquisto di grandi elettrodomestici, porte, pavimentazioni, tende e tendaggi nonché di altri complementi d’arredo.
La detrazione è calcolata su un ammontare di spesa complessivo non superiore a 16.000 euro e viene ripartita in 10 quote annuali di pari importo. L’ammontare massimo di spesa sul quale calcolare la detrazione è riferito alla coppia; pertanto, se le spese sostenute superano l’importo 16.000 euro, la detrazione deve essere calcolata su tale ammontare massimo e ripartita fra i componenti della coppia in base all’effettivo sostenimento della spesa da parte di ciascuno.

Detrazione spese per canoni di leasing per abitazione principale
È riconosciuta la detrazione del 19% dell’importo dei canoni di leasing pagati nel 2016 per l’acquisto di unità immobiliari da destinare ad abitazione principale, ai contribuenti che, alla data di stipula del contratto avevano un reddito non superiore a 55.000 euro.

Detrazione IVA pagata nel 2016 per l’acquisto di abitazioni in classe energetica A o B
A chi nel 2016 ha acquistato un’abitazione di classe energetica A o B è riconosciuta la detrazione del 50% dell’IVA pagata nel 2016.

Detrazione spese per dispositivi multimediali per il controllo da remoto
È riconosciuta la detrazione del 65% delle spese sostenute nel 2016 per l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento e/o produzione acqua calda e/o climatizzazione delle unità abitative.

Come ogni anno l’appuntamento della dichiarazione dei redditi mette in apprensione i contribuenti italiani che devono fronteggiare novità normative e non. Non possiamo disconoscere che molto è stato già fatto da parte dell’Amministrazione finanziaria ma spesso sarebbe necessaria, da parte del contribuente, una maggiore dimestichezza con gli strumenti telematici per poter fruire della presentazione delle dichiarazioni precompilate, disponibili online, da considerarsi un primo passo per il processo di semplificazione in atto.