L’Inps contro il femminicidio

tito-boeri

Inaugurata nella Direzione generale Inps la sala “Daniela Nenni e Rosanna Belvisi”, due dipendenti dell’Istituto recenti vittime di femminicidio. Intanto l’istituto ricorda le attività del proprio CUG, istituito lo scorso anno

Inaugurata il 13 giugno, presso la Direzione generale dell’Inps, la sala “Daniela Nenni e Rosanna Belvisi”, dedicata a due dipendenti dell’Istituto recenti vittime di femminicidio. Daniela, madre di tre figli, lavorava a Roma. È stata uccisa dal marito il 26 settembre 2014, a 49 anni. Rosanna, che prestava servizio a Milano, è stata anche lei uccisa dal marito a 50 anni, il 15 gennaio 2017, lasciando una figlia.

La sala è stata dedicata a queste due donne perché la si vuole rendere non solo un luogo simbolico di memoria ma anche simbolo di impegno nel contrasto di ogni forma di violenza e discriminazione contro le donne. La sua inaugurazione è avvenuta a conclusione del secondo evento del progetto “Il CUG incontra il territorio”, svoltosi questa mattina nella sala Mancini della Direzione Generale dell’Inps.

Il Comitato Unico di Garanzia (CUG) Inps è stato istituito con la determinazione del Direttore generale n.10 del 5 maggio 2016, per conseguire le seguenti finalità:

  • assicurare, nell’ambito del lavoro pubblico, parità e pari opportunità di genere;
  • favorire l’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico, migliorando l’efficienza delle prestazioni lavorative, attraverso la realizzazione di un ambiente di lavoro caratterizzato dal rispetto dei principi di pari opportunità, di benessere organizzativo e di contrasto di qualsiasi discriminazione;
  • razionalizzare e rendere efficiente ed efficace l’organizzazione della Pubblica amministrazione anche in materia di pari opportunità, contrasto alle discriminazioni e benessere dei lavoratori e delle lavoratrici.

All’inaugurazione della sala era presente l’avvocata Giuliana Cavalcanti, componente del CUG Inps, che ha coordinato gli interventi dei presenti, ovvero: il Direttore generale dell’Istituto, Gabriella Di Michele; Monica Parrella, Dirigente generale del Dipartimento Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri; Francesca Bagni Cipriani, Consigliera nazionale di Parità; Giovanni Di Monde, Direttore centrale delle Risorse umane dell’Inps; Mariella De Vivo, presidente CUG Inps. I relatori hanno fatto il punto sulle iniziative finora adottate in attuazione del piano di azioni elaborato dal CUG Inps. Tra queste è stata sottolineato l’impegno per lo Smart Working, un modello di organizzazione del lavoro in cui conciliare, innovare e competere sono i tre obiettivi da perseguire per raggiungere una completa flessibilità del lavoro e una reale parità tra i sessi.