Imprenditoria femminile. In Veneto al via bando con contributi a fondo perduto

Pubblicato l’11 agosto sul bollettino ufficiale della Regione Veneto il bando che mette a disposizione 2,2 milioni di euro per l’imprenditoria femminile, prevede contributi a fondo perduto. Le domande si potranno presentare dal 6 al 16 novembre 2017 con procedura “a sportello”

L’imprenditoria femminile in Veneto ha un peso pari al 19,71%, ovvero al di sotto della media nazionale che è del 21,76%. Per incentivare la creazione di nuove imprese femminili, la Regione Veneto ha emanato il Bando per l’erogazione di “contributi alle PMI a prevalente partecipazione femminile” per l’anno 2017, ad attuazione della Legge regionale n. 1/2000. Tale legge (“Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell’imprenditoria femminile”) prevede che possano essere concessi contributi in conto capitale, o altre forme di intervento individuate e definite dalla Giunta regionale, alle imprese a prevalente o totale partecipazione femminile e in particolare alle seguente tipologie di PMI (Piccole e medie imprese, nelle quali rientrano – lo ricordiamo – anche le micro imprese e le singole professioniste):

  1. imprese individuali di cui sono titolari donne residenti nel Veneto da almeno due anni;
  2. società anche di tipo cooperativo i cui soci ed organi di amministrazione sono costituiti per almeno due terzi da donne residenti nel Veneto da almeno due anni e nelle quali il capitale sociale è per almeno il cinquantuno per cento di proprietà di donne.

Il bando per l’imprenditoria femminile approvato dalla Regione Veneto per l’anno 2017 prevede la concessione di contributi a fondo perduto, in regime de minimis, in misura pari al 30% della spesa rendicontata ammissibile per la realizzazione di interventi di importo compreso tra 20.000 e 150.000 euro.

Sono ammissibili spese in:

  • macchinari,
  • impianti produttivi,
  • hardware,
  • attrezzature e arredi,
  • mezzi di trasporto a uso interno o esterno, a esclusivo uso aziendale, con l’esclusione delle autovetture,
  • opere edili/murarie e di impiantistica, incluse le spese connesse di progettazione, direzione lavori e collaudo,
  • programmi informatici.

A questa iniziativa sono destinate risorse pari a euro 815.256,17 disponibili nel Fondo Unico regionale per lo sviluppo economico e per le attività produttive ma la struttura regionale competente in materia di industria, artigianato e commercio e servizi ha anche richiesto la re-iscrizione in conto avanzo di un ulteriore importo, pari a euro 2.184.743,83, da destinarsi alla stessa iniziativa, per un totale di 2.200.000 euro che verranno stanziate entro il 31 dicembre 2017.

Gli interventi previsti dal bando dovranno essere realizzati nel territorio del Veneto

Le domande potranno essere presentate a partire dalle ore 10.00 del giorno lunedì 6 novembre 2017 fino alle ore 18.00 di giovedì 16 novembre 2017. La procedura è a sportello, ovvero in ordine di presentazione fino a esaurimento fondi. Il bando con le ulteriori informazioni potrà essere scaricato dalla seguente pagina: https://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=351556