Corso di perfezionamento per i manager del terzo settore

foto-università

L’università di Milano Bicocca ha annunciato la seconda edizione del corso di perfezionamento per i manager del terzo settore rivolto a giovani laureati di tutte le discipline e ai lavoratori che vogliano perfezionare le proprie competenze

Il corso di perfezionamento si intitola “Management per l’innovazione sociale nel non profit: la prospettiva dell’economia civile”. Possono partecipare sia i giovani laureati sia i lavoratori che operano in fondazioni, cooperative, imprese sociali, ONG e associazioni.

Il percorso formativo comprende uno stage obbligatorio di minimo 100 ore presso imprese di economia civile, di economia di comunione e organizzazioni del terzo settore appartenenti alla rete dei consorzi CGM (Gruppo Cooperativo Gino Mattarelli) che è il coorganizzatore del corso con l’Università di Milano Bicocca. Le lezioni classiche si terranno il venerdì e il sabato a settimane alterne a partire da novembre 2017 fino a giugno 2018 per un totale di 196 ore.

Luca Stanca, docente di economia politica e direttore e presidente del Comitato di coordinamento del corso, spiega i motivi della creazione del corso: “operare nel terzo settore richiede competenze in diversi ambiti organizzativi. Il corso mira a offrire una formazione specifica sull’economia civile e sugli aspetti gestionali relativi alle organizzazioni non profit che devono soddisfare criteri di efficacia e di efficienza. La recente crisi economica mondiale ha messo in evidenza i limiti dei modelli che hanno dominato il pensiero economico negli ultimi decenni. L’economia civile è un nuovo approccio basato sull’idea che l’Uomo Economico si debba nutrire anche di relazioni, motivazioni, fiducia, reciprocità e che l’attività economica abbia bisogno di virtù civili, di tendere al bene comune oltre che alla ricerca della soddisfazione individuale”.

Il corso è organizzato in collaborazione con il CGM, gruppo cooperativo che riunisce 65 consorzi locali e 766 cooperative sociali in tutta Italia, e con la SEC (scuola di economia civile), che promuove i principi e i fondamenti del paradigma economico e relazionale dell’economia civile tra le classi dirigenti delle organizzazioni, imprese e pubbliche amministrazioni.

La domanda di iscrizione va inviata entro il 9 ottobre 2017. Il corso ha un costo di 2.000 euro.

Il commento ex art. 21 Costituzione della Repubblica italiana

A scanso di equivoci e per evitare che qualcuno pensi che si tratti di pubblicità occulta, dal momento che questo corso è a pagamento, ci teniamo a scrivere questo commento. Purtroppo il costo di iscrizione è piuttosto alto per le tasche di chi si occupa di non profit, in quanto i lavoratori e il management di questo tipo di realtà o lavorano come volontari o prendono giusto dei rimborsi spesa con un tetto molto basso o – come nella maggior parte dei casi – immettono nelle casse della propria organizzazione soldi personali per permettere all’associazione di andare avanti. A meno che non si tratti di grandi realtà internazionali note a tutti e che per tale ragione ogni anno ricevono donazioni del 5 per mille pari addirittura a milioni di euro e possono permettersi di pagare adeguatamente i propri collaboratori e di versare grosse somme per i rimborsi spese.
Il costo del corso di formazione universitario di 2.000 euro, quindi in linea con altri corsi formativi a pagamento, ha il solo difetto di dichiararsi rivolto anche a giovani laureati e questo può indurre a pensare che aprirà loro degli accessi a una economicamente soddisfacente carriera nel terzo settore. Sentiamo di dover avvisare tali giovani che probabilmente non riusciranno a guadagnare niente o quasi iscrivendosi a un’associazione o un ente del terzo settore a meno che non si tratti di una struttura nota nella quale circoli molto denaro, essere assunti dalla quale è cosa piuttosto rara. Di conseguenza, per completezza d’informazione, la nostra coscienza di giornalisti ci induce a sottolineare che in linea di massima il corso sarà più utile a chi già lavora per una grande realtà che a un giovane laureato in cerca di prima occupazione.