Mobbing: Codice Donna, più informazione crea consapevolezza

codice-donna

Al via il 30 novembre gli incontri dell’associazione Codice Donna


Più informazione per creare cultura e consapevolezza del fenomeno mobbing.
E’ l’obiettivo dell’associazione Codice Donna che, si legge in un comunicato stampa, promuove una serie di incontri sul tema ‘Il mobbing nel lavoro e nella vita familiare’ a partire da quello in programma giovediì 30 novembre a Roma.
L’appuntamento è presso MIA Home Design Interior in via di Ripetta 224 a partire dalle 18.30. Codice Donna, che dal 1998 offre consulenza legale alle donne, ritiene che “la divulgazione di fenomeni sociali ed in particolare familiari è necessaria affinchè le vittime di comportamenti discriminanti possano riconoscerli e combatterli”, spiega la presidente dell’associazione, avvocata esperta di diritto di famiglia, Simona Napolitani.

“Il mobbing, nelle sue diverse forme, dal lavoro alla famiglia crea situazioni di grosso disagio, la vessazione psicologica va necessariamente contrastata nell’interesse di una società e di una famiglia più giusta e migliore”, osserva Napolitani che sarà tra le relatrici insieme alle avvocate Vittoria Mezzina (diritto del lavoro) e Teresa Manente (penalista esperta nella difesa dei diritti della vittima di violenza di genere). La professoressa Gabriella Maugeri offrirà un approfondimento sulla ‘psicologia delle relazioni familiari’.

L’incontro romano è aperto a tutti: dati i posti limitati si può prenotare a info@codicedonna.it oppure su Facebook alla pagina codicedonnaroma o anche via sms al +39 335 8225715.