Un premio per le PMI che valorizzano il lavoro femminile

foto-presentazione premio fondazione Bellisario

Intesa San Paolo e Fondazione Marisa Bellisario insieme per la seconda edizione del premio che valorizza il lavoro femminile e la diversità di genere. In parallelo con la 30ima edizione del Premio Donne ad Alta quota

Si è aperta l’8 novembre 2017 la selezione delle piccole e medie imprese partecipanti alla seconda edizione (anno 2018) del Premio “Women Value Company – Intesa San Paolo”, istituito da Banca Intesa San Paolo e dalla Fondazione Marisa Bellisario per incentivare le PMI che si siano distinte in valorizzazione del lavoro femminile e rispetto della specificità di genere, rendendo le differenze una risorsa.

Partito nel 2017 con una prima edizione di grande successo, che ha visto la partecipazione di 600 aziende, il premio “Women Value Company” si rivolge alle PMI sia pubbliche sia private a capitale per la maggior parte italiano che abbiano raggiunto buone performance economiche e applichino buone pratiche nella gestione della gender diversity, come servizi di conciliazione famiglia/lavoro, iniziative per garantire ai dipendenti (uomini e donne) una serena gestione del loro tempo in azienda, politiche flessibili di organizzazione del lavoro, politiche retributive di merito non discriminatorie, piani di sviluppo e valorizzazione delle competenze e carriere femminili, con ampia presenza di donne in posizioni manageriali o apicali.

Due saranno le imprese vincitrici: una piccola e una media. E saranno decretate il prossimo giugno durante la manifestazione per il trentesimo premio Marisa Bellisario “Donne ad Alta Quota”. Per le altre imprese che avranno superato la selezione alla partecipazione saranno assegnati riconoscimenti nel corso di un roadshow organizzato sul territorio italiano, come avvenuto per la precedente edizione nel maggio 2017, nelle città di Milano, Torino, Padova, Bologna e Napoli.

Un roadshow per entrare in contatto con le imprese

Proprio il roadshow 2017 è stato il banco di prova di quanto un premio come il Women Value Company avesse importanza, mettendo in luce le tantissime imprese sia a conduzione femminile sia non che hanno attuato politiche di valorizzazione del capitale umano e femminile nell’ottica di migliorare l’ambiente di lavoro e la produttività.

La valorizzazione del lavoro femminile

La stessa Presidente della Fondazione Marisa Bellisario, Lella Golfo, ha sottolineato questa dimostrazione, apprezzando la funzione del roadshow e auspicando per la seconda edizione del premio un’utilità ed un successo analoghi alla precedente: “Nel corso del roadshow in giro per l’Italia insieme al team di Intesa Sanpaolo, abbiamo conosciuto manager preparate e competenti, imprenditrici e imprenditori caparbi, coraggiosi e innovativi, ambasciatori di quel Made in Italy di cui dobbiamo essere tutti orgogliosi. Ma soprattutto abbiamo toccato con mano quanto il successo e il profitto di un’impresa vadano di pari passo con la valorizzazione del capitale umano e femminile. Abbiamo iniziato quest’avventura con fiducia e i risultati sono andati al di là di ogni più rosea aspettativa, confermandoci quanto la piccola e media impresa italiana, e quella femminile, siano vive e ambiziose. La seconda edizione di Women Value Company nasce all’insegna dell’ottimismo: vogliamo fare emergere il merito e l’innovazione. La XXX edizione del Premio Marisa Bellisario sarà il miglior palco per premiare la lungimiranza e il valore delle tante imprese che ogni giorno scommettono e investono sul talento femminile”.

La politica del lavoro al femminile

La politica del lavoro che viene incentivata dal premio è quella che vige in Intesa San Paolo, di cui il Responsabile divisione Banca dei Territori, Stefano Barrese, ha dichiarato: “In Intesa Sanpaolo lo sappiamo bene: le donne sul lavoro sono istruite, preparate, attente, collaborative e resilienti, per questo da tempo investiamo risorse ed energie per garantire, all’interno del Gruppo, pari valutazione di competenze e compensation. Come Banca che sostiene l’economia reale del Paese, abbiamo l’ambizione di propagare questo modello anche all’esterno. Il grande consenso ottenuto dalle iniziative legate a Women Value Company ci incoraggia a proseguire lungo questo percorso: vogliamo sostenere un numero sempre maggiore di imprese che fanno delle differenze non un problema, ma un valore aggiunto cui dare spazio per crescere e competere.»

Le candidature per il premio sono presentabili attraverso i siti web di Intesa San Paolo e della Fondazione Bellisario. Basterà compilare il questionario on line entro il 9 febbraio 2018.