SELFIEMPLOYMENT allo Sportello Rete Microcredito per i Neet

microcredito

Nasce a Reggio Calabria lo Sportello informativo della Rete Microcredito, uno strumento che ha come obiettivo quello di rilanciare l’auto-imprenditorialità e il Fondo SELFIEmployment rivolto ai Neet

Uno sportello informativo per i giovani Neet che vogliono fare impresa, ma che non possiedono le dovute garanzie che richiedono le banche a fronte di un finanziamento.
L’Ente nazionale per il Microcredito e l’amministrazione reggina fanno rete per supportare i cosiddetti Neet, ovvero tutti coloro che, di età compresa tra i 18 e i 29 anni, sono senza occupazione e non sono impegnati né in percorsi di studio e né di formazione né nella ricerca di un lavoro.
Il corner istituito all’interno del Comune di Reggio Calabria e aperto due giorni alla settimana, offrirà tutte le informazioni necessarie per poter partecipare al SELFIEmployment che finanzia con prestiti a tasso zero, l’avvio di piccole iniziative imprenditoriali.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Fondo gestito da Invitalia nell’ambito del Programma Garanzia Giovani, sotto la supervisione del Ministero del Lavoro, ha già investito più di 19milioni di euro in 575 progetti presentati in tutta Italia. E adesso finalmente arriva anche nella città dello Stretto.

«Per i giovani calabresi son stati stanziati 15 milioni di euro, per avviare attività di impresa in tutti i settori: dal turismo ai servizi per l’ambiente, dal risparmio energetico fino alle manifatturiere, dai servizi alle imprese, all’informazione e comunicazione. Esclusi, invece, agricoltura e pesca» spiega Giancarlo Proietto, responsabile Operativo e Coordinamento Agenti Territoriali del Progetto SELFIEmployment, nel corso della conferenza stampa tenutasi a Palazzo San Giorgio.

Sportello Rete Microcredito: le modalità per il Selfiemployment

Per accedere alle risorse è necessario aver già aderito al Programma Garanzia Giovani e la spesa dovrà necessariamente rientrare tra i 5mila e i 50mila euro. A decidere sull’erogazione del finanziamento sarà direttamente Invitalia; per questo è importante che tutta la documentazione sia compilata in maniera chiara e completa.
«Recandosi allo sportello si potrà avere la modulistica e chiedere tutte le delucidazioni possibili. Crediamo molto in questa opportunità soprattutto perché i dati Istat non sono benevoli, più del 50% delle aziende fallisce dopo il primo mese, allora scrivere un buon progetto e capire quali sono le reali esigenze di mercato, diviene fondamentale» aggiunge Proietto.
I Neet della Calabria

In Calabria, secondo il rapporto sull’economia elaborato dalla Filiale di Catanzaro della Banca d’Italia nel giugno scorso, il 41,9% dei giovani rientra tra i Neet; numeri confermati anche dal rapporto Ocse “Uno sguardo sull’istruzione 2017”, dove si legge che in Calabria, Campania e Sicilia, un ragazzo su tre non lavora, non cerca lavoro e non studia.
«Se da un lato i dati sono allarmanti, dall’altro siamo convinti che ci siano tantissimi giovani che vorrebbero sviluppare le proprie idee di business, ma a volte il problema è proprio quello che non sanno da dove cominciare e a chi rivolgersi per essere formati», dice a Donnainaffari.it Marco Paoluzi, responsabile Area Crediti dell’Ente Nazionale Microcredito.
Il mercato del lavoro è in continua evoluzione, i contratti subordinati a tempo indeterminato sono sempre più rari, nonostante negli anni ci siano stati tentativi da parte dello Stato di offrire incentivi alle aziende che assumono in pianta stabile i propri dipendenti.
«Per il nostro Paese e soprattutto per il Sud Italia diviene prioritario sviluppare economia. Le banche non sono di certo indulgenti con chi non dà garanzie e qui, dunque, che si inseriscono questi programmi. Fondamentale è poi il sostegno delle associazioni di categoria che nella città di Reggio sono numerose e ben radicate» chiosa Paoluzi.
Parole sposate anche dal sindaco Giuseppe Falcomatà il quale afferma: «Uno sportello dialogante che implicitamente manda un messaggio forte, quello di avere fiducia. Anche qui è possibile fare impresa grazie ad un lavoro di sinergia e sotto questo aspetto, il Comune è dalla parte di chi vuole realizzare il proprio sogno nella propria terra».

È possibile richiedere tutte le informazioni a questo link.