Imprenditoria Imprenditoria femminile

Sostegni per giovani e donne con idee imprenditoriali

Le opportunità per donne e giovani con idee imprenditoriali presentate da Invitalia in un evento organizzato dall’associazione Impegno CiVico

Invitalia e gli strumenti per diffondere e promuovere la cultura di impresa che coinvolgono giovani e donne con idee imprenditoriali. La direttrice di Donna in Affari Daniela Molina ha condotto l’intervista in diretta Facebook al dott. Massimo Calzoni, coordinatore dei servizi per l’imprenditorialità di Invitalia, e al presidente dell’associazione Impegno Civico Mauro Caliste, ideatore dell’iniziativa dal titolo “Voglia di fare impresa” (http://www.donnainaffari.it/2021/05/opportunita-imprenditoriali-per-giovani-e-donne/). Un’ora preziosa in cui scoprire gli strumenti diretti a giovani e donne con idee imprenditoriali messi a disposizione da Invitalia, l’agenzia del Ministero dell’Economia e Finanze che gestisce tutti gli incentivi nazionali che favoriscono la nascita di nuove imprese e di startup innovative.

Il supporto preliminare di Invitalia
Il supporto di Invitalia parte dal primo momento, perché giovani e donne con idee imprenditoriali possono fin da subito rivolgersi all’Agenzia. Infatti, prima di presentare domanda per accedere ai finanziamenti, ovvero agli strumenti di investimento che l’agenzia mette a disposizione per l’avvio di impresa, Invitalia offre un supporto preliminare attraverso incontri one to one specifici (solitamente 3 incontri) che si possono richiedere attraverso il sito www.invitalia.it o inviando un’e-mail a info@invitalia.it in modo che giovani e donne con idee imprenditoriali possano arrivare preparati a presentare la domanda effettiva di agevolazione. Come spiegato dal Dott. Calzoni, non si tratta di una preselezione o prevalutazione di scrematura di progetti e idee, ma solo di un modus operandi per arrivare a una scelta meditata per la richiesta di finanziamento alla base dell’avvio di impresa.

Le opportunità per giovani e donne con idee imprenditoriali
Massimo Calzoni, coordinatore dei servizi per l’imprenditorialità di Invitalia, ha elencato e spiegato quali sono gli strumenti che l’agenzia mette a disposizione di donne e giovani intraprendenti che vogliono concretizzare un’idea o un progetto d’impresa. Ne ha illustrati tre: vediamoli.

Il Nuovo Selfiemployment
Il “Nuovo Selfiemployment” finanzia prestiti senza garanzia e a tasso zero per giovani, donne e disoccupati. Selfiemployment significa autoimpiego ed è rivolto a chi ha idee per piccole iniziative imprenditoriali allo scopo di offrire opportunità di occupazione ai soggetti “deboli” del mercato del lavoro. Si rivolge infatti ai Neet (i giovani che non studiano né lavorano né cercano occupazione né sono iscritti a corsi formativi) e ai giovani tra i 18 e i 29 anni iscritti a Garanzia Giovani (https://garanziagiovani.anpal.gov.it/), ai disoccupati di lunga durata e a donne inattive di qualsiasi età, ovvero maggiorenni e non occupate in altre attività lavorative al momento della presentazione della domanda di finanziamento. Per disoccupati di lunga durata si intendono coloro che hanno presentato una dichiarazione di disponibilità al lavoro (DID) da almeno 12 mesi.
I settori economici per i quali si può proporre il progetto sono l’industria, il commercio, i servizi e il turismo. Il Nuovo Selfiemployment offre finanziamenti a tasso senza garanzie a copertura del 100% delle spese (da un minimo di 5.000 euro a un massimo di 50.000 euro) per l’avvio dell’attività, compreso il costo del lavoro per un anno. Per ulteriori informazioni al riguardo: https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/creiamo-nuove-aziende/nuovo-selfiemployment.

ON – oltre nuove imprese a tasso
Altro strumento sul quale – a partire proprio da oggi, 19 maggio 2021 – si può fare affidamento è ON – oltre nuove imprese a tasso zero (http://www.donnainaffari.it/2021/04/incentivi-imprese-femminili-e-giovanili/). Anche questo destinato a giovani e donne con idee imprenditoriali. Si tratta di un incentivo a sostegno delle micro e piccole imprese composte in prevalenza o totalmente da giovani tra i 18 e i 35 anni oppure da donne di tutte le età (oppure da giovani e donne insieme). Tra i beneficiari, possono presentare domanda di finanziamento, non più le imprese costituite entro 12 mesi dalla firma del contratto, ma quelle costituite entro i 5 anni precedenti, con regole e modalità diverse a seconda che si tratti di imprese costituite da non più di 3 anni o da almeno 3 e da non più di 5. Con ON si parla di contributi a fondo perduto in combinazione con il rimborso agevolato e viene innalzato il tetto del finanziamento a tasso zero per le imprese più mature. Per ulteriori informazioni: https://www.invitalia.it/chi-siamo/area-media/notizie-e-comunicati-stampa/nuova-nito

Smart & Start
Agevolazioni anche per giovani e donne con idee imprenditoriali innovative. Innanzitutto, secondo Massimo Calzoni di Invitalia, incalzato da una domanda chiara e importante posta da Daniela Molina direttrice di Donna in Affari, è importante fare chiarezza su cosa si intende per innovazione. O meglio per start up innovativa. A partire dai requisiti previsti dall’art. 25 del DL 179 del 2012, un’impresa è innovativa quando è strettamente legata al mercato in cui si muove ed è in grado di soddisfare meglio e prima degli altri i bisogni reali dei clienti individuati sul mercato come proprio target di riferimento. Per queste start up innovative, Invitalia mette a disposizione uno strumento illuminante come Smart and Start rivolto a progetti innovativi ad alto contenuto tecnologico, sviluppati nell’ambito dell’economia digitale o che valorizzano i risultati della ricerca. Si tratta di un finanziamento a tasso zero senza garanzie a copertura dell’80% o del 90% dei costi con una ulteriore agevolazione per 8 regioni del Sud e per i comuni del cratere sismico di Lazio, Umbria e Marche. Per ulteriori informazioni: https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/creiamo-nuove-aziende/smartstart-italia.

Le conclusioni di Impegno CiVico
A conclusione della presentazione degli strumenti di Invitalia a disposizione di giovani e donne con idee imprenditoriali, a cura di Massimo Calzoni, coordinatore dei servizi per l’imprenditorialità, forte è il messaggio sottolineato dal presidente dell’associazione Impegno CiVico Mauro Caliste: “Dobbiamo avere più coraggio per avanzare proposte, dobbiamo avere più fiducia nel futuro. Ecco perché è necessario lavorare per crescere. Questo vale soprattutto per i più giovani”. Le opportunità ci sono, le possibilità di investire sule proprie idee ci sono grazie anche a team esperti come quelli di Invitalia.

Per seguire l’intervista completa (durata meno di 1 ora: https://www.facebook.com/Associazione-Impegno-CiVico-108976074319829/videos/997077790828730

Potrebbe interessarti