Lavoro Opportunità

NEET Working tour verso l’anno europeo dei giovani

11 le tappe in tutta Italia del NEET Working tour organizzato da Presidenza del Consiglio dei Ministri, con Servizio Civile e Agenzia per i giovani

Promosso dalla Ministra per le politiche giovanili Fabiana Dadone (leggi la nostra intervista esclusiva http://www.donnainaffari.it/2020/12/intervista-alla-ministra-fabiana-dadone/), il NEET Working tour è stato inaugurato l’11 aprile dalla stessa Ministra a Torino e la prima tappa si è tenuta ad Alessandria l’11 e 12 aprile 2022. “Il tour nelle città italiane ha lo scopo di raggiungere i giovani nella loro comfort zone, ingaggiarli, metterli a conoscenza dei progetti e delle iniziative che il Governo ha messo in atto. Vogliamo raccontare loro, che l’Italia è un Paese per giovani che offre ad ognuno la possibilità di realizzarsi” ha dichiarato la Ministra.

Il NEET Working tour
Obiettivo del NEET working tour è coinvolgere i giovani di età tra i 14 e i 35 anni che non studiano, non lavorano e non seguono corsi di formazione (NEET – Not in Education, Employment or Training) ma nemmeno cercano lavoro o sono iscritti ad associazioni di volontariato, sensibilizzarli e offrire loro momenti informativi. Si tratta infatti di una campagna informativa itinerante che prevede l’allestimento, in ogni città tappa del Tour, di un villaggio dedicato ai giovani, dove i partecipanti potranno seguire le diverse attività in programma, ricevere informazioni e assistenza e confrontarsi con le numerose realtà (istituzionali, commerciali e del terzo settore) che sostengono l’iniziativa, che rientra nel “Piano NEET”, un piano strategico di emersione e orientamento dei giovani inattivi, promosso dal Ministero per le Politiche Giovanili e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

Le tappe del NEET Working Tour
Dopo l’inaugurazione avvenuta a Torino alla presenza della Ministra Dadone, il primo “villaggio informativo” per i giovani è stato aperto ad Alessandria l’11 e 12 aprile. Queste le 10 tappe successive:
Genova (20 e 21 aprile),
Brescia (22 e 23 aprile),
Lucca (26 e 27 aprile),
Chieti (28 e 29 aprile),
Roma (4 e 5 maggio),
Napoli (6 e 7 maggio),
Matera (10 e 11 maggio),
Brindisi (13 e 14 maggio),
Cosenza (17 e 18 maggio),
Palermo (22 e 23 maggio).

Il programma del NEET Working Tour
I giovani partecipanti (ci si può iscrivere gratuitamente compilando il seguente form: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScengq6PT8NcVqcNRS4ohzEQoMYequ3MkVlI2wWVibQPTu-jw/viewform) potranno seguire le diverse attività previste considerando che in ogni tappa saranno presenti:

  • il Dipartimento per le Politiche Giovanili con il Portale Giovani2030, le iniziative dell’Anno europeo, la Carta giovani, il Piano Neet e l’Ufficio del Servizio civile universale con informazioni delle attività in Italia e all’estero e con testimonianze dei volontari su progetti sul territorio;
  • l’Agenzia Nazionale per i Giovani che fornirà informazioni sui programmi europei Erasmus+:Youth e Corpo europeo di solidarietà e su tutte le iniziative promosse dall’Ente;
  • l’Agenzia Nazionale per le Politiche attive del lavoro che offrirà informazioni relative al progetto “Garanzia giovani”, centri per l’impiego ed altre opportunità di formazione sul territorio, e assistenza nella redazione delle domande di lavoro e dei CV.

Altri partner per arricchire il programma
Parteciperanno diversi partner privati per offrire consulenze informative gratuite sul mondo del lavoro. Tra questi: Fondazione Vodafone, Google, Cisco, Elis, Maximus, Manpower e altri partner di G2030. Ci sarà anche l’associazione dei giovani Consulenti del Lavoro che si metterà a disposizione per dare indicazioni sul mondo del lavoro, raccogliere proposte di discussione sui temi centrali dell’occupazione, interagire con i lavoratori del futuro e invitarli a seguire il Festival del Lavoro, previsto dal 23 al 25 giugno a Bologna (in diretta su www.festivaldellavoro.it) per conoscere le transizioni in corso e le esigenze del mondo del lavoro che li attende;  tra gli altri strumenti a disposizione, anche il videogame “Generazione Legalità”, sviluppato a partire dall’idea del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro e della Fondazione Studi per sensibilizzare gli studenti delle scuole superiori alla professione di consulente. Imparare giocando, insomma, con la possibilità di concorrere ai numerosi premi messi in palio, che comprendono un viaggio a Bruxelles presso le istituzioni europee. Infine, presenti diversi partner territoriali (a seconda delle tappe) quali: Coldiretti giovani, Confartigianato giovani, Confindustria, Confitarma, Confagricoltura.

Potrebbe interessarti