Lazio: Ok al Piano Giovani Lavoro

Lazio: Ok al Piano Giovani Lavoro

 

Approvato dalla Giunta Regionale il Piano che metterà a disposizione 40 milioni di euro per l’occupazione giovanile

20 milioni di euro saranno destinati alla formazione degli apprendisti; ci saranno poi azioni mirate a far emergere il lavoro irregolare e un programma per la mobilità internazionale e finanziamenti per l’autoimpiego.

“Un provvedimento importante” dichiara la presidente Polverini “con cui mettiamo in campo un pacchetto di azioni e di iniziative, del valore complessivo di 40 milioni di euro, per sostenere l’inserimento lavorativo dei giovani, l’orientamento, la formazione, l’autoimprenditorialità e per potenziare i servizi per il lavoro e le politiche attive”.

La parte del leone, con il 50% dei fondi a disposizione, la fa l’apprendistato, per lo sviluppo del quale verranno anche creati servizi e supporti informatici. Questa forma contrattuale infatti è vista come una grande opportunità sia per le aziende che per i giovani, che potranno usufruirne per l’inserimento lavorativo senza che l’azienda debba sopportare costi elevati.

Nel Piano sono anche previste delle agevolazioni per i giovani che scelgano la formazione nei settori a vocazione artigianale. Un Piano che, come spiega l’assessora al lavoro e formazione Mariella Zezza, “mette insieme risorse regionali, nazionali ed europee per realizzare una strategia complessiva degli interventi a supporto dell’occupazione giovanile, del buon lavoro e della valorizzazione del capitale umano”.

All’approvazione del Piano Giovani Lavoro, si è giunti dopo un confronto con le parti sociali che ha consentito, nell’ambito del tavolo regionale per l’occupazione, “di mettere a sistema le risorse a disposizione e di ottimizzare la progettazione e l’attuazione degli interventi previsti”.

Alcuni progetti sono stati già attivati e fra questi l’assessora Zezza sottolinea il bando da 4 milioni di euro rivolto a chi decide di aprire una nuova attività. Sono infatti circa 500 i progetti arrivati, a dimostrazione di come ci sia nella nostra Regione grande voglia e predisposizione per l’autoimpiego, confermato da tutte le rilevazioni di Unioncamere che assegnano al Lazio il primato nazionale per nascita di nuove imprese. Per questo a breve saranno pubblicati nuovi avvisi per l’autoimpiego, con l’attivazione di strumenti pensati proprio per accompagnare ed aiutare i nuovi giovani imprenditori nella fase di start-up”.