Salute, al via Frecciarosa 2016: la prevenzione ad alta velocità

Fino al 14 ottobre medici specializzati e visite gratuite a bordo dei treni per monitorare lo stato di salute femminile

La salute delle donne viaggia sulle rotaie. Anche quest’anno nel mese dedicato alla prevenzione delle malattie che colpiscono il gentil sesso, il Gruppo Fs sostiene la sesta edizione della campagna di sensibilizzazione Frecciarosa promossa con l’Associazione IncontraDonna Onlus e il patrocinio del ministero della Salute. L’iniziativa, che vede il sostegno di Farmindustria ed Elior, promuove l’adozione di corretti stili di vita per combattere e sconfiggere il tumore al seno e il virus del papilloma, facilitandone la prevenzione.

Fino al 14 ottobre a bordo di alcune Frecce di Trenitalia, personale e volontari di IncontraDonna Onlus distribuiranno il ‘Vademecum della Salute’, un opuscolo contenente consigli sulla prevenzione. Saranno inoltre presenti medici specializzati a disposizione delle viaggiatrici per consulenze, visite gratuite al seno e consigli sulla prevenzione e la salute di tutta la famiglia. Per l’occasione Trenitalia ha previsto un buono sconto di 10 euro rivolto alle clienti per acquisti e viaggi sino a fine mese.

Numeri alla mano, nell’edizione dello scorso anno i volontari del Frecciarosa hanno distribuito circa 100 mila ‘Vademecum della Salute’ e fatto compilare oltre mille questionari sul papilloma virus. Medici specialisti hanno invece condotto gratuitamente visite senologiche a bordo: 260 sui Frecciarossa Roma-Milano e 45 in soli due giorni sugli Intercity che viaggiano verso il Sud Italia.

Per il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, l’impegno su informazione e prevenzione è un lavoro “continuo che non si può fermare. Non servono campagne estemporanee, ma che quel chiodo venga battuto ogni anno per decenni. Sulla prevenzione dobbiamo scommettere tantissimo, è la vera arma che abbiamo per combattere la malattia. Dobbiamo vivere bene, aumentare la qualità della nostra vita e fare prevenzione”. Nelle precedenti edizioni gli utenti hanno mostrato apprezzamento per la scelta del treno, “mezzo che unisce, ci porta da una città all’altra e ci dà la possibilità di condividere esperienze a bordo. Grazie a questa iniziativa abbiamo tanti medici specialisti e persone qualificate a disposizione delle clienti che vogliono chiedere consigli e utili informazioni – ha spiegato Barbara Morgante, amministratore delegato di Trenitalia –. E a bordo ci saranno anche alcuni volontari che possono raccontare le loro esperienze sulla malattia e sull’importanza della prevenzione”.