Le lingue: ricchezza delle persone, ricchezza per l’economia

mariangela-giusti

mariangela-giustidi Mariangela Giusti, Docente di pedagogia interculturale all’Università di Milano Bicocca

Secondo alcuni studiosi, le lingue del mondo sono circa 4000; secondo altri studiosi, sono invece 5000; secondo altri ancora sono 6500 o perfino 10.000. Il sito www.ethnologue.com contiene informazioni su 7106 lingue vive conosciute in tutto il mondo. Eppure Eppure anche solo entrando nelle home page di questo sito, si vede con facilità che, in tutti i continenti, sono tantissime le lingue definite “dying”, cioè “morenti”, a rischio di estinzione. Dunque, le lingue rappresentano un fantastico patrimonio dell’umanità. E non si deve fare l’errore di pensare che si tratti di un patrimonio che non si consuma. Tutt’altro!!I linguisti ci mettono sull’avviso che, come il cemento e l’asfalto soffocano e fanno scomparire le foreste, cosi la globalizzazione e l’inglese (prevalente ovunque) possono eliminare lingue e culture millenarie, D’altro canto, la mobilità delle persone e delle popolazioni creano sempre nuovi contatti anche sul piano linguistico e dunque accade che nascano nuovi mescolamenti linguistici, nuovi modi di esprimersi, nuove lingue. 

lingue-africane

Le lingue si formano, vivono, crescono, si sviluppano, s’impoveriscono, spariscono nella realtà e nei diversi ambienti della vita: fisici, culturali, lavorativi. Pensiamo a quanto sono forti le interrelazioni fra le lingue parlate dalle persone e la società e l’economia delle varie città, delle zone, dei quartieri. I gruppi che parlano una certa lingua sono per forza inseriti nei contesti socio geografici nei quali vivono. Ciò significa che tante persone che hanno una lingua madre diversa dalla lingua prevalente un po’ per volta è molto probabile che la dimentichino (non utilizzandola più nei loro contesti di vita). Dal punto di vista pedagogico e formativo, questo è uno spreco per tutti e per la società.
Queste premesse fanno apprezzare moltissimo un’iniziativa attiva da alcuni anni a Bolzano: il Caffè delle lingue (www.caffedellelingue.it), un ambiente tranquillo e piacevole dove le persone possono stare, sapendo che tutti i martedì di ogni mese dalle 18,00 alle 20,00 possono parlare liberamente in una delle lingue offerte. In questo periodo le lingue sono: tedesco, italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese; un moderatore di madrelingua segue (al bisogno) le conversazioni; non c’è bisogno di iscriversi né di pagare nessuna quota. Gli incontri si tengono presso il Centro Giovani Papperlapapp di Bolzano; sono seguiti da una équipe del Centro, composta da quattro operatori sociali competenti sul piano linguistico, coordinati da una giovane direttrice pedagogica, Lauretta Rudat, che gestisce l’iniziativa (e molte altre, ovviamente) sul piano pedagogico.
E’ un’iniziativa bellissima sia sul piano formativo, sia sul piano economico e sociale. Consente a persone di tutte le nazionalità di incontrarsi e di continuare a parlare la propria lingua madre (per evitare di dimenticarla e di perderla) oppure di esercitarsi a parlare meglio una lingua nuova. Può essere l’italiano (se serve per lavorare)…ma può essere un’altra lingua, solo per il gusto di parlarla e di prendere con essa una sempre maggiore dimestichezza. Un piccolo patrimonio aggiuntivo (gratuito!) che in futuro si può mettere a frutto per cercare lavoro o per crescere nella propria professione.